in

La Juventus si vendica: vince la coppa Italia… di serie C

Fonte immagine: Twitter

Sono passate giusto un paio di settimane da quando, a Roma, la finale di coppa Italia ha incoronato il Napoli allenato da Gennaro Gattuso e ha fatto salire sull’altare degli imputati Maurizio Sarri. Il grande ex capace di fallire il primo obiettivo stagionale della sua Juventus. Tuttavia, nel giro di un paio di settimane, almeno a giudicare dai risultati, sono cambiate un po’ di cose.

La Vecchia Signora ha vinto in scioltezza le prime due partite di campionato dopo la ripartenza, superando prima il Bologna a domicilio e poi il Lecce alla prima in casa dopo l’interruzione della stagione. In entrambi i casi i protagonisti principali sono stati Dybala e Ronaldo, a segno sia contro i felsinei che contro i salentini. Ma i protagonisti di quest’altra storia sono diversi e molto meno celebrati.

Parliamo di Brunori, Rafia, Marchi, Wesley e di mister Fabio Pecchia. Non esattamente personaggi di grande caratura, ma comunque capaci di portare a casa – in un certo senso – il primo trofeo della stagione della Juventus. La formazione B, o Under 23 che dir si voglia, ha infatti vinto la coppa Italia di serie C, riservata per l’appunto alle formazioni che militano nella terza serie del calcio italiano.

Nella finale disputata sabato, i bianconeri “cadetti” hanno superato la Ternana dopo essere andati sotto per via del gol di Mammarella. I già citati Brunori e Rafia hanno realizzato le reti della rimonta, dopo l’espulsione per il capitano umbro Defendi. Così è partita la festa per una piccola vendetta che la Juve è stata capace di prendersi.

Fonte immagine: Twitter

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello sport cliccate QUI.

Francesco Cammuca