in

Lo sponsor del Verona fa discutere: è un produttore di cannabis!

cannabis light
Fonte immagine: Facebook

Al giorno d’oggi, basta poco per fare polemiche. Anche nel mondo del calcio, dove i contrasti e il chiacchiericcio sono due aspetti che prendono il largo quasi quanto una bella giocata o una vittoria. E allora veniamo al caso che in questi giorni sta investendo soprattutto l’Hellas Verona, squadra che sta venendo fuori bene fin dallo scorso anno, quello in cui gli scaligeri sono riusciti a tornare in serie A.

Una bella realtà, guidata in campo da mister Ivan Juric, un altro di quei soggetti che si sta prendendo una bella rivincita. E sul campo, nelle maglie gialloblu che vengono indossate ogni domenica, c’è uno sponsor che sta facendo discutere: stiamo parlando di Justmery. È un’azienda che è leader nel settore della diffusione della cannabis light sul territorio italiano. E questa partnership ha fatto sollevare subito un gran polverone.

Soprattutto da parte degli esponenti della Lega, partito che non ha mai nascosto il proprio contrasto alla diffusione – anche legale e quindi tassata dallo Stato – delle droghe leggere. Il parlamentare Vito Comencini, ex consigliere del Comune di Verona, attacca così: “La scelta del Verona Hellas è inopportuna. La battaglia contro la commercializzazione della canapa è una delle priorità della Lega e anche in questo caso è necessario essere chiari: bisogna andare oltre i meri interessi economici perché lo sport e il calcio rappresentano un universo di valori e un punto di riferimento in particolare per i giovani”.

Di contro, non mancano le correnti politiche che invece applaudono il Verona per questa scelta sul piano del marketing. Un modo per mostrare la propria apertura a questo genere di mercati, che può servire anche per abbattere quello “sommerso” e illegale. “Se li dovessimo ascoltare dovremmo proibire il consumo di molto meno di mezzo bicchiere di vino al giorno, perchè l’alcool ha effetti psicotropi. Il cannabinoide Cbd presente nella cannabis light ha effetti positivi per l’organismo”, ha dichiarato il radicale Giorgio Pasetto.

A prendere la posizione di Justmary ci ha pensato Matteo Moretti. In questo caso, sconfinando dalla questione della sponsorizzazione e facendo un accenno di stampo politico, il numero uno dell’azienda ha voluto provocare proprio la Lega: “Noi siamo disponibili a sponsorizzare anche la Lega, qualora ci sia un’opportunità, così da aiutarli a sistemare il loro debito col fisco da 49 milioni”.

Dal canto proprio, il Verona ci tiene a precisare di non aver stipulato un accordo diretto con Justmery. Questo è derivato dalla gestione da parte di Infront, società di servizi per i club sportivi che raccoglie le cosiddette sponsorizzazioni di seconda fascia. Ma tanto è bastato per suscitare clamore e scandalo. A nostro parere, tutto immotivato.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Facebook

Francesco Cammuca

Sommario
Lo sponsor del Verona fa discutere: è un produttore di cannabis!
Titolo
Lo sponsor del Verona fa discutere: è un produttore di cannabis!
Descrizione
Sulla maglia del Verona campeggia lo sponsor Justmary, un’azienda che produce cannabis light. La Lega non ci sta e chiede la rimozione del marchio dalla divisa.
Autore