in

Jorginho accoglie Koulibaly: “Lo tratto come al mio arrivo a Londra”

Il centrocampista del Chelsea ritrova l’ex compagno di Napoli

jorginho share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @jorginhofrello

Jorginho ormai è di casa a Londra. Ma c’è stato un momento in cui le difficoltà erano enormi: “Non è stato facile. Il primo anno stavamo vincendo e tutto sembrava a posto, ma poi sono successe tante cose. Ho dovuto impegnarmi molto per ottenere il rispetto di tutti. Dopo che sono iniziate quelle voci, ovviamente, ero un po’ infastidito, ma cerco sempre di guardare il lato positivo e cambiare la percezione che le persone hanno di me. Quindi mi sono detto, queste persone si sbagliano su di me e non è giusto. Sia nel calcio che nella vita si tratta di fatti, non di parole. Potevo dimostrarlo in campo e attraverso i risultati, è quello che ho sempre cercato di fare”.

Ma come si sono evolute le cose dopo il suo arrivo al Chelsea? Il regista italo-brasiliano racconta un aneddoto: “Quasi per scherzo, ma non proprio perché mi diverto, cercando di imparare le cose usando un accento inglese, come facevo in dialetto napoletano, tipo ‘com’ va guaglio?’o ‘ce va amico?’. Quindi, giocando e parlando con i ragazzi, ho fatto del mio meglio per imparare l’inglese, sperando di cogliere l’accento giusto, ma anche divertendomi”.

Jorginho accoglie Koulibaly

Tra le altre cose Jorginho ha fatto anche da cicerone per Kalidou Koulibaly. Il nuovo acquisto del Chelsea è stato accolto da quello che era il suo regista di centrocampo ai tempi del Napoli: “Mi ha fatto ridere che mi ha detto che non ero cambiato affatto quando mi ha visto. All’inizio della mia esperienza volevo lavorare principalmente con fisioterapisti inglesi, quindi ho avuto l’opportunità di iniziare a parlare e capire il più possibile”.

Tra le altre cose il giocatore della Nazionale ha potuto rivivere i tempi in cui era lui a doversi ambientare in uno spogliatoio come quello dei Blues: “Parlavo con gli uomini del kit, con lo chef. Quindi grazie a questo ho iniziato a capire molto di più. C’era un ragazzo, Lucas Piazon, che era qui da molti anni. È brasiliano, ma parlava già perfettamente l’inglese, quindi gli ho fatto un sacco di domande e mi ha insegnato molto”.

Una reunion molto interessante e che sta già dando i suoi frutti.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @jorginhofrello