in

Jacobs e le scarpe magiche: “Me le ha consigliate Bolt”

Il campione olimpico sui 100 metri parla anche dei risultati di quest’anno

jacobs share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @crazylongjumper

Marcell Jacobs torna a parlare delle “scarpe magiche”. E fuga ogni polemica: “Le uso anche in allenamento. Il piede va abituato a una certa calzatura. La scarpa chiodata aiuta, certo, ma bisogna saperla gestire. Non ho capito le polemiche. Tutto è partito da Usain Bolt, quando ha detto che avrebbe fatto tempi migliori indossandole. È normale, una Formula 1 di venti anni fa va meno forte delle macchine di oggi. Cambiano epoche e strumenti. Comunque lui non si rivolgeva solo a me, tutti gli atleti con sponsor Nike usano queste scarpe”.

Il campione europeo e olimpico sui 100 metri, durante un evento Nike, ha parlato del suo trasferimento a Roma. Una città alla quale è particolarmente legato: “Mi ci sono trasferito con la mia famiglia, lì ho tutto per allenarmi nel migliore dei modi: fa caldo anche nei periodi normalmente più freddi, c’è il Coni che mi dà il sostegno di cui ho bisogno. Roma è stata una parte fondamentale del mio successo. Menomale che l’ho scelta”.

Jacobs e il lavoro per migliorare

Non solo scarpe “magiche” per Jacobs. Il velocista ha sviluppato anche una gabbia aerodinamica, che però non ha potuto sfruttare al meglio: “Quest’anno l’ho usata solo una volta. Troppi infortuni, è utile ma solo se sei veramente in forma. Nella gabbia corri senza l’attrito dell’aria. E a fine seduta hai dati specifici grazie alle telecamere che sono posizionate all’interno. Ti aiuta a calibrare ampiezze, passi, frequenze. Insomma, ti fa capire dove puoi migliorare, in quali parti della gara puoi spingere di più”.

Il 2022 che sta per andare in archivio non è stato semplice per l’azzurro. Tanti infortuni e anche qualche polemica di troppo. Ma alla fine sono arrivati i risultati: “Le vittorie nel mondiale indoor e nei 100 metri agli Europei sono state importanti, hanno confermato quello che ho fatto alle Olimpiadi di Tokyo. Poi ho avuto molti problemi fisici, ma sono abituato a convivere con le difficoltà. Per me non sono sconfitte, sono insegnamenti”.

Un campione che dobbiamo preservare al massimo.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @crazylongjumper

blog hibet