in

Italia, Spalletti: “Tanta emozione ma faremo vedere cosa sappiamo fare”

Fonte immagine: X

Luciano Spalletti presenta la sfida tra Italia e Albania. Si tratta del debutto a Euro 2024 per gli azzurri: “L’emozione da un punto di vista personale è tanta, ma col passare delle ore diventa sempre di più un’emozione che non porta tensione ma felicità, è una emozione fantastica perché sì è in un posto meraviglioso per giocarsi una gara bellissima. Poi la gara è insidiosa, sono d’accordo. Sylvinho è stato molto bravo a creare questa squadra e giochiamo contro giocatori che conoscono molto bene il nostro calcio e hanno qualità, ce l’hanno fatto vedere nel nostro campionato. Sarà una partita tosta”.

Il commissario tecnico sa bene che i campioni in carica non sono considerati tra i favoriti. L’obiettivo, quindi, è stupire: “Voler far vedere sempre il tuo brand di calcio diventa importante, ma a volte ci sono anche gli avversari e non ci si riesce. Ma io sono convinto che la nostra squadra riuscirà a far vedere cosa vuole fare. Il calcio è un assieme che non riguarda solo gli undici giocatori in campo, ma anche i 60 milioni di tifosi a cui chiediamo di giocare con noi ed essere sul rettangolo di gioco”.

Italia, Spalletti e la PlayStation

Uno degli argomenti emersi in conferenza stampa è l’uso della PlayStation in ritiro. Spalletti spiega le sue regole: “A volte mi dispiace dover venire qui a commentare cose che non ho detto. Ciò che a me interessa è che di notte si dorma, io non permetto che di notte la squadra stia sveglia e arrivi poi all’allenamento non riposata. Tutto qui. Noi abbiamo creato una sala giochi dove ci sono due PlayStation bellissime e anche io ci ho giocato. Però poi lo fanno negli orari corretti: è giusto secondo voi giocare fino alle 3-4 di mattina?”.

Spalletti fa capire però che l’Italia deve mettere tutto in campo. E per farlo deve mettersi alle spalle paure e tensioni: “Mettere tutto vuol dire anche mettersi questa corteccia, questa scocca, per una squadra che non soffre il livello del torneo, l’ambientazione. I giganti e gli eroi non hanno timore di andarsi a giocare una partita di calcio, dentro questi allenamenti qui si va a respirare tutta quell’area corretta per mettere dentro queste cose, gli ingredienti che ci vogliono per essere del livello che tutti gli italiani vogliono”.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio.

Fonte immagine: X

blog hibet