in

Clamoroso in Spagna: si affrontano gli infetti e i “sani”!

Fonte immagine: sporteimpianti

L’emergenza Coronavirus sembra essere ormai alle spalle. Se non altro per l’atteggiamento che in tutto il mondo – specialmente in Europa – si sta assumendo. E anche la ripartenza delle attività sportive a tutti i livelli, sia tra i professionisti che nelle più classiche partitelle di calcetto tra amici, non fa altro che aumentare questo trend. Anche se, com’è successo in Spagna, talvolta si rischia di esagerare.

L’episodio è avvenuto a Pamplona, città nota al mondo per la macabra Fiesta de san Fermin in cui si dà una cruenta caccia ai tori. Ma ciò che è accaduto qualche ora fa non è macabro, ma farà altrettanto discutere. Alcune persone, infatti, si sono radunate per giocare una partita di calcio tra amici. Ma a far discutere è la suddivisione delle due squadre che si sono affrontate sul campo.

Non è stato il classico “scapoli contro ammogliati” , ma un decisamente meno frequente “infetti contro sani”. Da una parte, infatti, c’erano persone ancora positive al Covid-19, mentre ad affrontarli c’erano persone non ancora infette oppure guarite dal Coronavirus. A rendere noto l’evento è stato il quotidiano spagnolo AS, che ha parlato dell’organizzazione di questa partita attraverso un tam tam fatto partire sui social, in particolare Instagram.

Le forze dell’ordine sono riuscite a risalire agli organizzatori, che hanno beccato un ragazzo di 23 anni. Il principale indiziato non è nuovo a questo genere di organizzazioni, visto che nel mese di giugno, nello stesso quartiere di Pamplona, aveva dato il via a un incontro affollato da centinaia di presenti.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello sport cliccate QUI.

Fonte immagine: sporteimpianti

Francesco Cammuca