in

Il record di Ganna: “Gli ultimi minuti sono stati un’agonia”

Il ciclista italiano ha ripercorso l’impresa che lo ha portato a battere il primato dell’ora su pista

ganna share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @gannafilippo

Filippo Ganna, nei giorni scorsi, si è reso protagonista di due grandissime imprese. Due veri e propri capolavori che gli hanno consentito di entrare – qualora non lo avesse già fatto – nella leggenda dello sport, sia italiano che internazionale. Il ciclista azzurro, infatti, ha in un primo momento abbattuto il record dell’ora su pista, aggiungendosi a un lungo elenco di campioni che hanno scritto la storia di questo sport.

Non contento di questo risultato leggendario, l’uomo che è stato ribattezzato Top Ganna è andato anche ad arricchire il suo palmares in termini di medaglie. Così ha portato a casa il titolo mondiale sempre su pista e nella sua specialità preferita. I colleghi del quotidiano spagnolo El Pais hanno voluto intervistarlo, se non altro per capire come si faccia a ottenere dei risultati così pazzeschi in un tempo molto breve.

Ganna, un record come un’agonia

Nell’intervista Ganna ha ammesso che gli ultimi minuti dell’ora trascorsa in sella non sono stati per niente semplici: “Per la prima mezz’ora non pensi a nulla, nei successivi quindici minuti il tuo unico obiettivo è battere il Record ed entrare nella storia. Poi però sopraggiunge la stanchezza e manca ancora un quarto d’ora. A quel punto volevo cadere, forare o qualsiasi altra cosa per mettere fine a quell’agonia. Non riuscivo più andare avanti”.

Ma se lo stress e la tensione si tramutano in fatica quando si è in sella, nei momenti precedenti alla partenza c’è tanta tensione da gestire. Il nostro campione fa capire che la vigilia di un evento del genere può logorare a livello mentale: “Due ore prima le mani diventano fredde, poi sudate e ancora fredde. Ti senti triste, stanco prima di cominciare. Il momento più stressante però restano gli ultimi 40-50 secondi in cui guardi il display con il conto alla rovescia”.

Alla fine, però, restano i numeri e i primati che vengono abbattuti.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @gannafilippo