in

Il Mondiale di MotoGP più pazzo di sempre

marc marquez
Fonte immagine: Wikipedia Commons

Siamo di fronte a una delle stagioni più incredibili per i motori a due ruote. In particolare, il campionato del mondo di MotoGP si sta dimostrando ancor più imprevedibile. E non solo per l’assenza di Marc Marquez, che se la mettiamo sul piano degli equilibri in pista ha comunque una certa rilevanza. Anche se, alla fine dei conti, basta guardare l’albo d’oro di questa assurda stagione 2020 per toccare con mano tutto.

Sei vincitori di Gran Premio diversi in sette gare disputate, con l’unico bis concesso da Fabio Quartararo nelle prime due gare, ovvero le due inaugurali di Jerez de la Frontera. Ed è proprio questa sontuosa doppietta a tenere il delfino di casa Yamaha in piena corsa per un Mondiale che rimane aperto più che mai. E allora andiamo a leggere la classifica, almeno per le prime posizioni, quelle che valgono la corona di re delle due ruote.

Andrea Dovizioso 84 punti, Quartararo 83, Maverick Viñales 83, Joan Mir 80. E c’è da dire che non c’è nemmeno il vuoto alle spalle di questo quartetto d’archi, perché in quinta posizione c’è il tandem composto da altri due “vincitori di tappa”, ovvero Franco Morbidelli e Jack Miller, a venti punti dal forlivese che guida la classifica. Il tutto mentre Valentino Rossi si mangia le mani per una caduta non degna del suo talento in una gara sulla carta a lui propizia.

Mancano ancora sette gare (almeno tra quelle ufficializzate), siamo esattamente a metà dell’opera e c’è un mondiale ancora tutto da conquistare. Vedremo tra sette giorni, sul circuito del Montmelò, come si evolverà la situazione.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Wikipedia Commons

Francesco Cammuca