in

Il KRAMPUS torna nelle lobby di WARZONE, ma solo come “ricompensa ricordo”

Speciale Krampus – Insieme al recente evento del CODMAS, utile per celebrare su Warzone il periodo delle festività natalizie, su Urzikstan è tornata una vecchia conoscenza dei giocatori del BR anche se con le sembianze di semplice easter egg…

Stiamo parlando del temibile Krampus, mostro mitologico molto conosciuto in Trentino ed in Friuli-venezia Giulia, cosi come in AustriaSlovenia e Croazia, che dal 5 Dicembre, giorno della vigilia di San Nicola, è protagonista in tutti questi territori in ricorrenti manifestazioni di tipo religioso-folkloristiche.

Il Krampus è quindi un mostro con tanto di corna (che si ispira al demonio Krampus, nella mitologia cristiana sconfitto e reso servo da San Nicola), estremamente violento ed aggressivo, che si aggira nei paesi in questo periodo dell’anno a caccia dei “bambini cattivi” (per approfondire: vedi Krampus).

La prima volta che i giocatori di Warzone si sono imbattuti in un Krampus è stato sulla mappa di Caldera, dove ha letteralmente seminato il panico nei primi giorni dal suo rilascio. Pensate che vennero pubblicati finanche dei “nerf” per queste creature perchè erano “troppo forti… Su Urzikstan la sua presenza è decisamente più “sommessa”, quasi “nascosta”, ed è identificabile come un easter egg inserito dai devs per i giocatori più appassionati.

Warzone – Dove si trova l’easter egg del Krampus di Urzikstan? 

Vi dovrete recare nella Città Vecchia (Old Town), sulla riva di fronte alla zona CARGO di Urzikstan. È stato sepolto sotto un mucchio di macerie, con solo il braccio che sporge dal terreno. Non dovrete far altro che interagire con il braccio per far apparire sul monitor il celebre avviso “Il Krampus ti sta dando la caccia”.

In questo modo, andremo a sbloccare un biglietto da visita “He Hunts You” per ricordare l’evento.

Cosa ne pensate di questo easter egg community? Avete già ottenuto il vostro biglietto da visita?

Se volete seguire altre notizie sul mondo degli E-Sports cliccate QUI.

A cura di: Powned

blog hibet