in

I PORTIERI DELLA ROMA: un problema che continua a persistere

portieri_roma_olsen_mirante
Fonte immagine: Instagram

Sono troppi i gol che la Roma ha subito in questo campionato, un dato molto raccapricciante e che mette molti interrogativi in casa giallorossa. 

Sul banco degli imputati ci sono soprattutto i portieri, un ruolo che la lupa continua ad avere indigesto dal 2018, quando Alisson lasciò Trigoria per sbarcare al Liverpool, squadra in cui si affermerà come uno dei portieri più forti al mondo. 

Da quel momento in poi, la Roma non ha più trovato un degno sostituto del brasiliano, anzi: si susseguiranno portieri non proprio all’altezza per una big italiana.

IL “DOPO ALISSON”: OLSEN

Il primo nome che difese la porta giallorossa nel “dopo Alisson” fu lo svedese Robin Olsen, arrivato in pompa magna dal Copenaghen, dopo prestazioni di alto livello con la sua nazionale nei Mondiali appena conclusi. Negli occhi degli italiani, rimane soprattutto la sciagurata partita del 13 novembre 2017, quando con le sue parate contribuì ad estromettere l’Italia dalle qualificazioni del suddetto mondiale. A Roma però la musica sarà ben diversa, con il portiere che compirà interventi incerti e papere clamorose: fra le più famose, quelle in Roma-Genoa (si farà sfuggire il pallone da sotto le gambe, permettendo al genoano Piatek di segnare) e Frosinone-Roma (con un intervento goffo, metterà in porta un tiro non irresistibile di Ciano). A fine stagione, la Roma lo manderà in prestito al Cagliari, dove perderà il posto a vantaggio di Cragno. Attualmente si trova all’Everton, come vice di Pickford.

LA DIFFICILE ALTERNANZA: PAU LOPEZ E MIRANTE

Mandato via Olsen, la Roma ripiega su Pau Lopez, prelevato dal Betis per 23,5 milioni di euro. Una cifra molto importante per un portiere, che non darà grossi benefici: anche il portiere spagnolo infatti, non darà le sicurezze sperate e si rivelerà abbastanza discontinuo nelle prestazioni, tanto da portare il tecnico Paulo Fonseca a ripiegare sul secondo portiere, Antonio Mirante. Il portiere ex Bologna, dopo un inizio molto convincente, inizierà a commettere errori da matita rossa nelle sfide con Napoli e Atalanta, entrambe finite in goleada (rispettivamente 4-0 e 4-1). Ad oggi, Fonseca si trova ad alternare spesso i due portieri, a dimostrazione del fatto che nessuno dei due sembra dare certezza. 

NOMI SUL MERCATO

Proprio per questo, la Roma sarà chiamata nel mercato per l’acquisto di un nuovo portiere già a partire da gennaio. Diversi sono i nomi che sono circolati in questi giorni, da Sirigu (in rottura con il Torino) a Silvestri, portiere del Verona e piacevole rivelazione della Serie A: per il primo nome, è stata avallata una proposta scambio con lo stesso Pau Lopez, mentre ben più complicata è l’operazione per il secondo nome, visto che il Verona difficilmente si priverà di un giocatore così importante a metà stagione. Continua quindi l’estenuante caccia al portiere, destinata a diventare telenovela già nella prossima sessione di mercato.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Instagram

Antonino Nicolò

Sommario
I PORTIERI DELLA ROMA: un problema che continua a persistere
Titolo
I PORTIERI DELLA ROMA: un problema che continua a persistere
Descrizione
Da Olsen a Mirante: la Roma continua a non avere certezze in porta dopo la cessione onerosa di Alisson. Possibili operazioni sul mercato?
Autore
Antonino Nicolò

Scritto da Antonino Nicolò

22 anni, appassionato di scrittura e amante della storia del calcio e delle statistiche che lo riguardano.