in

I campionati di “Palloncino”: quando il gioco diventa sport (forse anche olimpico)!

Successo incredibile per il primo torneo ufficiale di “Palloncino”, nato quasi per gioco sui social ma ora sport a tutti gli effetti

palloncino share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @balloonworldcup

Ok, ammettiamolo, chi quando ha avuto tra le mani un palloncino non ha provato almeno una volta a palleggiarselo con gli amici, cercando di prenderlo prima che cadesse a terra con le sue dinamiche impossibili da prevedere? Bene, se eravate particolarmente bravi in questo gioco, ora potrebbe essere il vostro momento! Quel semplice passatempo infatti, è diventata una vera e propria disciplina con tanto di campionati mondiali e persino rumors sul possibile passaggio a sport Olimpico!

Come si gioca

Il gioco in sè nasce senza regole ben precise, se non quelle messe in atto durante i tanti video che sono diventati virali sui social (TikTok in primis) in cui alcuni ragazzi palleggiavano semplicemente con questo palloncino gonfiabile in casa loro, con l’unica postilla di non farlo mai toccare per terra.

Una casa piena di mobili e ostacoli di vario genere, che ha subito messo in pratica particolari strategie per non consentire all’avversario di arrivare a toccare il palloncino tanto facilmente. Un passatempo virale insomma, utile soprattutto nei lunghi momenti in cui eravamo costretti a rimanere in casa per il lock down.

Ma il successo di questo gioco non si è mai fermato, tanto che in seguito si è organizzato a tal punto da far partire un vero e proprio campionato mondiale: la “Balloon World Cup”.

Il Campionato del Mondo di palloncini

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Balloon World Cup (@balloonworldcup)

L’idea è partita come sempre dai social, ma c’è voluto l’intervento reale del calciatore del Barcellona Gerard Piquè, non nuovo all’organizzazione di eventi spettacolari, e Ibai Llanos, noto commentatore di eSports nonchè creators di successo online.

Passaparola generale quindi, e ritrovo in Spagna al PortAventura World per disputare il primo campionato del mondo di palloncini. Non un qualcosa di improvvisato e maccheronico, ma un torneo che ha portato 32 formazioni provenienti da altrettanti paesi, quasi tutti a onor del vero del mondo del online più che da quello sportivo.

Leggi anche...  MONDIALI OGNI DUE ANNI: i pro e i contro

Il gioco del resto, almeno per ora, non è che richieda particolari abilità fisiche, anche se ovviamente le gare sono state combattutissime e molto faticose. Un campo di gioco, una stanza trasparente allestita come un vero e proprio salotto di casa, ampio 64 metri quadrati e come unica regola quella di non lasciare cadere a terra il palloncino nei due minuti di durata di ogni match.

Alla fine la vittoria è andata al peruviano Francesco De La Cruz, che ha battuto in finale il tedesco Jan Spiess per 6 palloncini a 2 e oltre al prestigio si è portato a casa anche i diecimila dollari di primo premio.

Il successo di questa prima edizione e le migliaia di richieste per dare seguito a questo tipo di tornei, fa pensare a un nuovo sviluppo per questo neo nato sport, e sono in molti a chiedere già a gran voce la possibilità di essere ammesso addirittura come disciplina olimpica, rappresentandone di fatto molti degli aspetti e dei valori essenziali. La strada in quel caso è ovviamente ancora lunghissima, ma chissà che in futuro non vedremo una qualche medaglia d’Oro anche per i “Campionati di Palloncini”!  Ah, l’Italia in questo caso non è andata benissimo, visto che il suo rappresentante ha perso al secondo turno contro quello del Marocco. Ma ci sarà tempo per una rivincita.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @balloonworldcup

Sommario
I campionati di "Palloncino": quando il gioco diventa sport (forse anche olimpico)!
Titolo
I campionati di "Palloncino": quando il gioco diventa sport (forse anche olimpico)!
Descrizione
Si è concluso con un grande successo il primo campionato del mondo di palloncino, nato su TikTok ma ora passato ufficialmente a sport mondiale
Autore