in

Cuore Denis: dona il cemento per lo stadio del Talleres!

talleres_German _denis
Fonte immagine: Facebook

Sono tanti i calciatori che arrivano a giocare ad altissimi livelli dopo essere partiti letteralmente dal basso. Storie fantastiche di giocatori che, dopo aver anche sofferto la fame e altre condizioni tutt’altro che agevoli, sono riusciti a sfondare nel calcio che conta. Uno di questi è German Denis, il quale incarna la classica storia di un ragazzo argentino con l’innata passione per il calcio e che, come si dice in questi casi, ce l’ha fatta.

Quello che è stato ribattezzato come El Tanque ed è entrato nel cuore di tante tifoserie in Italia, ha gonfiato a più ripresa le reti di serie A in particolare con le maglie di Atalanta e Napoli. Attualmente milita nella categoria cadetta, con la maglia della Reggina, in un’operazione che sembra quasi nostalgica, considerando che è sceso in Calabria già l’anno scorso, in serie C. Ma il cuore e la passione di Denis si è vista ancora una volta in questi giorni.

L’annuncio del Talleres

A darne notizia sono stati i vertici del Club Atletico Talleres. Si tratta di una formazione argentina dalla buona tradizione, con tanto di alcune stagioni in serie A. Ora milita nella quarta divisione del Paese e si trova in difficoltà anche per l’ammodernamento dello stadio. Ma all’improvviso è arrivato un annuncio di grande impatto empatico: “Nell’ambito dell’iniziativa portata avanti dalla Subcomisión de Estadio del Talleres, vogliamo annunciarvi che Germán Denis ha acquistato i 281 sacchi di cemento mancanti per raggiungere i 2.000 necessari, quindi il progetto è terminato”.

Un gesto stupendo da parte di chi, con quella maglia, è cresciuto calcisticamente e umanamente. E l’apprezzamento da parte dei vertici del Talles viene fuori in maniera evidente: “Questa somma è fondamentale per poter avanzare con il lavoro ed è un grande incoraggiamento in tempi così difficili. Ringraziamo Germán per la sua generosità. Non è la prima volta che ha questo tipo di atteggiamento e ci ha già aiutato molto”.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Facebook

Francesco Cammuca