in

Gaffe Ferrari: Vettel riprende Wolff in mutande

ferrari vettel gaffe
Fonte immagine: *vettelofficial instagram

In Ferrari Vettel ha dato e da ancora spettacolo, ma quello che ha combinato qualche anno fa è veramente sopra le righe.

Siamo al GP in Messico nel 2018,  Lewis Hamilton si aggiudica il titolo mondiale. Da bravo sportivo Vettel va a congratularsi prima con il pilota britannico e poi il team Mercedes  per il risultato ottenuto. Peccato che in questa seconda occasione, una volta entrato in ufficio, trova Wolff senza pantaloni!

L’allora team principal del team si è fatto cogliere impreparato ma con una certa nonchalance ha continuato a chiacchierare in mutande come se nulla fosse.

Infatti il pr Mercedes non ha smesso di filmare l’incontro riprendendo Toto a mezzo busto.

Un siparietto che ha fatto il giro del mondo diventando virale sul web, in particolare su Twitter.

Due anni dopo la gaffe, il pilota Ferrari Vettel, oggi ha commentato la prima giornata di prove libere del Gran Premio di Gran Bretagna, in programma oggi, domenica 2 agosto, a Silverstone, nonché quarta tappa del Mondiale 2020 di Formula 1.

È stata una giornata che definirei incompiuta. È stato un peccato perdere per intero la sessione del mattino. Ma pure nel pomeriggio abbiamo avuto un problema con il pedale del freno che ci è costato del tempo e non mi ha permesso di prendere il ritmo in pista“.

Nonostante le difficoltà, il quattro volte campione del mondo, riesce a trovare comunque un motivo per non abbattersi: “Tutto sommato, anche se non abbiamo potuto percorrere molti giri, non è stata una giornata da buttare perché’ abbiamo acquisito informazioni utili che ci aiuteranno a mettere a punto la vettura”.

Morale della favola: la Formula 1 ci insegna che anche quando rimani in mutande, devi sorridere e andare avanti.

Per altre gaffe raccontate da Hibet Social, leggi: Gaffe calcio: Cannavaro ricorda Gerrard

Fonte immagine: vettelofficial Instagram

Maria Caterina Crugliano

Scritto da Maria Caterina Crugliano

Copywriter dell’ironia. I miei genitori devono ancora capire che lavoro faccio. Penso quindi scrivo (e rido).