in

Flachi: squalifica e futuro nel calcio

Francesco flachi, squalifica ed il futuro
Fonte immagine: profilo Instagram @francescoflachi_official

Quando Francesco Flachi entrava in campo, i tifosi della Sampdoria impazzivano. L’ex attaccante si arrampicava sulla gradinata della Sud dopo ogni gol, per sentire il calore della sua gente.

Oggi per la Figc l’ex calciatore non esiste più, o meglio fino al gennaio 2022, quando avrà finito di scontare i suoi 12 anni di squalifica. Dopo la prima nel 2007, l’ultima è arrivata nel 2010, perché positivo ai metaboliti della cocaina.

Nel 2018 Francesco Flachi aveva dichiarato la sua voglia di poter ripartire nel mondo del calcio:
“Nemmeno avessi ammazzato qualcuno. D’accordo: ho sbagliato due volte. E mi sono rovinato la carriera: già questa è una bella pena da scontare, non trova? Le faccio una domanda: dopo tutto questo tempo ha ancora senso lo stop? Mi fa male non poter portare allo stadio mio figlio, sapere che il mio nome è dentro una lista nera. E mi fa ancora più male non poter andare in panchina: vorrei allenare in modo normale, prendere il patentino, fare la gavetta, vedere se sono capace. (…) sono stato un cattivo esempio, ma è il passato. Perché è accaduto? Avevo disconnesso il cervello. (…) Forse, dico forse, 9 anni di stop possono bastare. La seconda opportunità si concede ai peggiori criminali. La lezione è servita, datemi la possibilità di dimostrarlo con i fatti“.
Francesco Flachi racconta che il suo più grande rimpianto è proprio questo: la sua seconda squalifica. Nel piano della sua carriera, era il terzo marcatore della Samp, se avesse continuato, spiega Flachi, avrebbe superato Vialli al secondo posto.
Leggi anche...  Te lo meriti Beppe!
L’ex attaccante ricorda il suo passato, il rapporto con i compagni di squadra, in particolare Gasbarroni:
Gasbarroni era il re delle gaffe, una volta disse: ‘Volevo spezzare una freccia in favore di…‘ anziché una lancia. Noi morti dalle risate. Dopo tre ko, eravamo in ritiro e il giorno prima della partita lo avevamo convinto a buttarsi vestito in piscina, per 800 euro. Era inverno. Con Novellino ci siamo giustificati dicendo che era un gesto scaramantico, poi abbiamo pareggiato”.
Sul futuro, Francesco Flachi, confessa che le sue aspirazioni ruotano ancora dietro al pallone da calcio. Questa volta in una veste diversa: “Ho iniziato la gavetta per allenare, ma non posso ancora entrare in campo: mi manca un anno e mezzo per finire di scontare l’ultima squalifica. Col Bagno a Ripoli ho vinto un campionato di Terza Categoria, la Coppa e conquistato la salvezza l’anno dopo. Oggi alleno i bambini della scuola calcio del Signa, un po’ di rodaggio mi serve. In futuro, mi piacerebbe diventare allenatore.
Fonte immagine: *profilo Instagram di @francescoflachi_official.
Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Calcio cliccate QUI.
Sommario
Francesco Flachi: la squalifica ed il futuro nel calcio
Titolo
Francesco Flachi: la squalifica ed il futuro nel calcio
Descrizione
Le parole di Francesco Flachi, ex calciatore della Sampdoria che a gennaio 2022 finirà i 12 anni di squalifica
Autore