in

Il governo britannico dice no alle foto delle vacanze dei calciatori

vacanze dei calciatori
Fonte immagine: *bbolingoli

Le vacanze dei calciatori, si sa, sono il gossip preferito della stagione estiva. Nell’era Covid però molti club stanno chiedendo di non postare foto in vacanza sui social. La motivazione è quella di cercare di non alimentare le domande sulla quarantena dei professionisti.

Risale a qualche giorno fa la polemica su Boli Bolingoli, cugino di Lukaku. Il giocatore del Celtic sarebbe stato reduce da un viaggio top secret in Spagna. Per il suo mancato isolamento la Scottish Premiership ha rischiato di non essere giocata.

La squadra scozzese ha rilasciato un comunicato in merito all’accaduto, distanziandosi dal comportamento del suo giocatore.

Inoltre Governo e Federazione si sono detti intransigenti a questi comportamenti.

Niente più foto su Twitter, Instagram, Facebook e così via mentre gli atleti si trovano lontani dal Regno Unito.

In Inghilterra la situazione Covid-19 è ancora critica. La curva dei contagi non sembra calare e le restrizioni sono ancora in vigore.

La stagione calcistica inglese inizierà il 12 settembre ma già a fine agosto Liverpool e Arsenal si sfideranno nella Community Shield.

Ci si trova quindi alle porte degli allenamenti.

Tra le mete preferite dei bomber c’è la Spagna, con Ibiza in prima linea. Come biasimarli, tra mare e divertimento non ci sarebbe nulla da obiettare…se non fosse per una pandemia!

Per questo chi torna dall’isola deve osservare 14 giorni di quarantena prima degli allenamenti e, cosa importante, non postare contenuti a riguardo!

Dall’altra parte dello schermo di trovano utenti pronti a scatenare bufere mediatiche, cosa non proprio comoda alle società calcistiche.

A proposito delle vacanze dei calciatori, ecco dove se la stanno spassando: LE VACANZE DEI CALCIATORI

Fonte immagine: *bbolingoli