in

FORTNITE: DA GIOCO A METAVERSO VIRTUALE

Fonte immagine: Pixabay

Fortnite è ormai un gioco globale, un successo quasi senza precedenti che sta surfando (e alimentando) l’onda del boom che sta vivendo il mondo degli eSports in generale.

Ma dall’alto dei 300 milioni di giocatori (si aggira su questi numeri il bacino di utenza complessivo del gioco), la Epic Games sta pensando ancora più in grande, facendo interagire sempre più spesso degli eventi reali con le dinamiche e le location del gioco, in quello che sembra ormai un metaverso in continua espansione.

Il Metaverso virtuale

Vi ricordate di “Second Life”? Era il 2003 quando per la prima volta venne presentato al pubblico questa sorta di piattaforma virtuale dove gli utenti potevano costruirsi una nuova identità e vivere la loro vita parallela nel mondo dei bit.

All’interno c’era la possibilità di fare qualunque cose: trovare una casa, un lavoro, aprire un negozio, andare al cinema o in discoteca, essere dei creativi. Tutte quelle attività del mondo reale, ma in un contesto virtuale (con interconnessioni di ogni genere).

Dopo il grande successo in quel caso, forse il mondo non era ancora pronto a trasferirsi sul digitale e pian piano “Second Life” venne messo da parte. Ora però i tempi sono di molto cambiati, e pur se Fortnite non era certamente nato con quelle intenzioni, la Epic Games si sta muovendo in una direzione che potrebbe significare la volontà di rendere il gioco anche qualcosa di più, un vero e proprio metaverso in cui organizzare e vivere anche interazioni creative di vario genere con il mondo reale.

Musica reale nel mondo di Fortnite

La connessione tra mondo virtuale e reale non è nuova nell’universo di Fortnite. Già qualche tempo fa alcuni tra i personaggi di spicco della musica mondiale avevano utilizzato proprio l’isola teatro delle battaglie di gioco, per proporre invece eventi in esclusiva.

E’ stato il caso per esempio del Dj Diplo, che proprio in questi giorni ha presentato il suo nuovo lavoro all’interno del Battle Royale di Fortnite.

Prima di lui però già altri musicisti avevano praticato questa via per il lancio di alcuni album, come Travis Scott (il rapper aveva presentato in anteprima il trailer di Astronomical) o Marshmello per esempio. Ma sono solo alcune delle tante collaborazioni artistiche che stanno nascendo all’ombra di Fortnite.

Il grande cinema su Fortnite

Il passaggio successi per Epic Games non poteva che andare dalle parti del grande cinema. Dopo aver instaurato una collaborazione per Star Wars (durante “L’ascesa di Skywalker”) e con la Marvel (durante Avengers: Endgame ma anche Birds of Prey), ora tocca a Cristopher Nolan.

Il primo assaggio era stata l’esclusiva proiezione del trailer del nuovo film “Tenet”, che aveva ottenuto peraltro un successo di pubblico strepitoso durante la proiezione. Tanto da invogliare le due parti a proseguire questa collaborazione, aggiungendo altre possibilità.

Su Fornite sarà infatti possibile (durante la modalità Party Royale), vedere alcuni tra i film cult del regista, tra cui “Inception” (per gli spettatori americani), “The Prestige” (per gli utenti europei) e “Batman Begins” (per tutti gli altri).

Ma tutto questo sembra davvero solo la punta dell’iceberg per le infinite possibilità che un palcoscenico di questo genere può portare. Tanto che se Fortnite per ora è stato “semplicemente” un gioco di grande successo, in futuro potrebbe appunto vederlo come metaverso in cui sviluppare tanti altri fronti di comunicazione e socialità, entrando in competizione proprio con i grandi colossi del settore, da Facebook a Netflix per esempio. Di certo questo tipo di competizione porterà comunque tante novità per gli appassionati di Fortnite, e non solo.

Fonte immagine: Pixabay

Se volete seguire altre notizie sul mondo degli E-Sports cliccate QUI.