in

Serie A: i peggiori flop della settima giornata

flop_serie_a
Fonte immagine: Instagram

La settima giornata della Serie A ha confermato, semmai ce ne fosse bisogno, che molte squadre e molti giocatori sono in affanno in questa situazione sempre più difficile da affrontare a questi ritmi. Qualche risultato a sorpresa e un andamento spesso altalenante sono frutto anche di tutto questo.

Sono tanti infatti i “Flop” di questa giornata, tanto che si sarebbe potuto fare anche più di una formazione volendo (e con nomi anche di prestigio). Vediamo in ogni caso quali sono gli undici “Peggiori” di questa tornata, schierati in un classico 4-3-3.

Portiere

Erano tre a giocarsela quasi alla pari, scegliamo Skorupski (Bologna) per una recidiva che va avanti da ormai 40 partite, quelle in cui subisce gol continuativamente (non che sia tutta colpa sua, ma appare sempre e comunque incerto).

Difensori

Soprattutto nel reparto difensivo la lista potrebbe essere lunga, ma certo alcuni errori sono risultati più pesanti di altri. Augello (Sampdoria) per esempio, che ha lasciato la sua squadra in dieci già dal primo tempo (aprendo la vittoria cagliaritana). Denswil (Bologna) persevera invece in grossolani errori che spalancano la porta agli avversari (Lozano in questo caso). Calabria (Milan) ci mette del suo con l’autogol, che poi per la verità recupera con il gol del 2-1 ma tutta la partita è stata deficitaria per lui. E infine Letizia (Benevento), solitamente tra i migliori ma che contro lo Spezia rappresenta invece la disfatta per gli uomini di Inzaghi.

Centrocampisti

Più ristretta la lista di nomi nel reparto (sempre che non si vogliano mettere due esterni attaccanti), ma sicuramente insufficienti sono stati Schiattarella (Benevento), Bennacer (Milan) e Fares (Lazio). Tutti forse non primi responsabili delle difficoltà dell’intera squadra, ma sicuramente molto sotto tono rispetto al loro rendimento abituale.

Attaccanti

Non c’era che l’imbarazzo della scelta. Ne scegliamo tre a titolo di rappresentanza per quelle che sono state le problematiche delle rispettive squadre. Dybala (Juventus) entra al posto dell’infortunato Ronaldo, e sbaglia tutto quello che c’era da sbagliare. Partita (un’altra) molto brutta anche per Orsolini (Bologna), coronata da un colossale errore nei minuti finali che avrebbe potuto dare il pareggio ai felsinei. Infine Verdi (Torino), che da titolare contro il non irresistibile Crotone riesce a non fare nulla, ma proprio nulla (eccetto farsi ammonire), per tutti gli ottanta minuti in cui è stato in campo.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Instagram