in

Fenomeno Gnonto, ma l’Inter come lo ha perso?

Un talento andato via troppo presto dai nerazzurri

gnonto share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @willy.gnonto

Il nome di Wilfried Gnonto è finito nel giro di pochi giorni sulla bocca di tutti e in cima alle pagine delle più importanti testate giornalistiche, che siano esse cartacee, online o addirittura nei telegiornali. Il merito è stato, ancora una volta, di Roberto Mancini. Il commissario tecnico della nostra Nazionale sta mettendo in atto la tanto invocata rivoluzione all’interno del gruppo azzurro, dopo l’ennesimo fallimento legato alla mancata qualificazione alla Coppa del Mondo.

Tra i giocatori più chiacchierati in una lunga full immersion, fatta prima con un grande raduno di giovani di interesse nazionale e poi con l’arrivo dei cosiddetti big, c’era proprio Gnonto. Un talento nato nel 2003 in Italia, ma che ben presto è andato via per cercare all’estero la sua dimensione. Una dimensione che, almeno per il momento, lo vede protagonista nel campionato svizzero con la maglia dello Zurigo. Ma in Italia c’è chi si può mangiare le mani.

Come l’Inter ha perso Gnonto

Stiamo parlando dell’Inter, che ha avuto il calciatore nel proprio settore giovanile ma che lo ha visto andare via senza opporre (a dire la verità) troppa resistenza. A spiegare come sono andate le cose tra il club nerazzurro e Gnonto ci ha pensato Jean-Christophe Cataliotti, noto procuratore che ha svelato qualche dettaglio dell’operazione: “Il calciatore non è stato venduto dall’Inter, ma è stato acquisito dallo Zurigo attraverso il pagamento della cosiddetto indennità di formazione”.

Ma cosa sarebbe questa indennità di formazione? Cataliotti prova a entrare un po’ di più nello specifico, provando a fare un esempio semplice: “Se una società non mette sotto contratto un calciatore del proprio vivaio, un club straniero potrebbe proporre al calciatore stesso la firma del primo contratto; in caso di accettazione, il giovane calciatore potrà svincolarsi dal club di appartenenza e andare a risiedere all’estero acquisendo il conseguente status di professionista”.

Un meccanismo che ha privato la Serie A di un bel talento. Almeno per il momento.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio e vedere qualche protagonista in diretta.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @willy.gnonto