in

Fanta Hibet – Il meglio e il peggio della giornata VENTIDUE

Gioie e dolori per i fantallenatori. Qualcuno di questi fa parte della tua rosa?

fantacalcio, giornata ventidue
Fonte immagine: *Pagina Facebook Inter

Barak, un rientro da Top Player

 La sua assenza si è fatta sentire parecchio, il suo rientro è stato più che mai fragoroso. Quella di Antonin è tra le prestazioni più esaltanti dell’intero campionato. Una tripletta che lo consacra a livelli altissimi, prezioso incursore, rigorista infallibile. La quotazione che schizza alle stelle e mentre il Verona se lo gode qualcuno pensa a lui in ottica mercato. E per i fantallenatori il gongolar è dolce in questo mare…

 

Theo Hernandez, prosegue l’up & down

Meriterebbe uno spazio più in basso dove ci sono i “croce e delizia”. Se a Venezia era stato devastante contro lo Spezia il terzino del Milan deraglia a causa di un rigore calciato con eccesso di sicurezza. Spiazzato Provedel ma la palla scheggia il palo e si spegne sul fondo. Ennesima conferma che per il Milan i rigori sono un rebus irrisolto, francese compreso.

 

La svolta di Biraghi

La sua stagione fin qui non è stata eccezionale. Lo dice la sua fantamedia che supera di poco il 6,5. Eppure nell’ultima settimana l’esterno viola sembra aver messo il turbo segnando 3 gol in 2 partite (compreso quello di Coppa Italia), tutti di pregevole fattura. Merito suo e dell’impostazione tattica di Italiano che propone un calcio al tempo stesso offensivo e piacevole. Per lui si profila un girone di ritorno da protagonista.

 

Ostigard – Hefti – Vanheusden

Solo pochi giorni fa la difesa del Genoa trascinava ai supplementari di Coppa Italia il Milan e tutti ad elogiarne la prestazione. Poi accade che l’incompetenza di certi dirigenti stravolga tutto. Esonerato Sheva, il Genoa si ritrova punto e a capo e le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Incommentabile disastro a Firenze, indegno per una piazza come quella rossoblù in cui a pagare sono, come sempre, i tifosi (e stavolta, i fantallenatori).

 

L’indiscutibile Immobile

Per la gioia di chi lo ha scelto come suo marcatore principe il buon Ciro continua il testa a testa con Vlahovic per il trono di capocannoniere. A Salerno approfitta di un assist celestiale di Milinkovic Savic (top anche lui) e della svagatezza della difesa granata. Ennesima doppietta che porta a 17 il bottino stagionale, fantamedia che schizza oltre il 9. Davvero difficile chiedergli di più, anzi no una cosa ci sarebbe, CIRO PORTACI AL MONDIALE!

 

Consigli senza difese.

Ritrovarsi di fronte un Barak così ispirato non deve essere facile e infatti il portiere neroverde nulla può di fronte allo strapotere gialloblù. Il Sassuolo di solito non è impenetrabile ma è abbastanza raro subire 4 reti senza avere colpe specifiche. Anzi, a dirla tutta, il rigore dell’1 a 3 lo aveva anche sfiorato ma la palla è ugualmente finita in rete. Un “due” pesante che avrà fatto disperare più di qualcuno.

Leggi anche...  Serie A: il peso dell'istinto
 

Dal nulla riappare il Chucky Lozano

Non è stata la sua miglior stagione, eppure di occasioni ne ha avute parecchie il messicano del Napoli per mettersi in mostra. L’exploit di Bologna è la prima vera grande prestazione stagionale, insolito per uno che nelle passate stagioni ha dimostrato di avere una discreta confidenza col gol. Per lui vale il discorso fatto per Biraghi, Che sia l’antipasto di un girone di ritorno scoppiettante?

 

Dalbert, una mancanza costante

Se è vero che gli errori vanno pesati, la mano larga del brasiliano ex Inter costa al Cagliari un rigore e la conseguente sconfitta, prevedibile alla vigilia ma non così scontata per quanto visto in campo. Seconda presenza tra i flop e fantamedia che cola a picco. Dimostrazione che al di là di qualche errore grossolano, la qualità delle sue prestazioni è nettamente al di sotto delle aspettative.

 

Handanovic super, Onana chi?

Premessa: la sua presenza tra i top sarebbe da condividere con Musso, altro grande protagonista di Atalanta – Inter. In realtà le parate del portiere sloveno dell’Inter sono almeno 3 e tutte prodigiose, soprattutto quella su Pessina involato a rete. A questo punto la domanda sorge spontanea: fermo restando che l’alternanza di prodigi e incertezze sia notevole, era proprio necessario puntare su Onana per il futuro?

 

Croce e delizia: Dusan Vlahovic

Qualcuno potrà obiettare che la sua presenza in questa rubrica sia ingenerosa. E in effetti la stagione del serbo classe 2000 finora è stata straordinaria. Ma la sufficienza con la quale ha scucchiaiato il rigore del potenziale vantaggio rischiava di trasformare in tragedia la giornata di tanti suoi fantallenatori. A rimettere le cose a posto ci ha pensato nel secondo tempo pareggiando il -3 con il gol numero 17 del suo campionato che lo appaia a Immobile con una partita in meno. Una sfida che, presumibilmente, ci porteremo dietro fino al rush finale.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio e vedere qualche protagonista in diretta.

Se volete seguire altre notizie e consigli sul mondo del Fantacalcio cliccate QUI.

Fonte immagine: *Pagina Facebook Inter