in

Fantacalcio, 31a giornata: Felicissima Champions

A 8 giornate dalla fine del campionato la lotta per i 3 prestigiosi posti si fa sempre più serrata. Ma quanto vale davvero questa qualificazione?

Fantacalcio, giornata 31
Fonte immagine: Facebook

Lo sapete a quanto ammonta il montepremi complessivo della Champions League? Ve lo dico io, circa 2 MILIARDI DI EURO. Una montagna di denaro che viene suddivisa in parte in base a criteri meritocratici e anche in base al blasone della società e della nazione di appartenenza. Senza considerare i diritti televisivi e l’indotto di sponsor che la partecipazione alla più importante competizione continentale per club può garantire. Tesoretto che per ogni squadra cresce sempre di  più in funzione dei risultati ottenuti e può raggiungere cifre da capogiro. Di conseguenza è abbastanza ovvio capire quanto possano pesare le prossime otto giornate di Serie A in funzione della prossima stagione.

 

Introiti ma non solo…

Soldi, dicevamo, tanti. Ma non solo, per alcune società l’accesso alla prossima Champions League diventa obiettivo fondamentale anche per altri motivi, non meno importanti. In una fase in cui le società rischiano il tracollo finanziario a causa della pandemia, la mancata qualificazione potrebbe provocare non solo limitazioni pesanti al mercato estivo ma soprattutto la necessità di dover cedere qualcuno dei pezzi pregiati. E di situazioni intricate ce ne sono davvero parecchie.

Prendiamo il Milan, ad esempio. Da mesi Maldini è alle prese con i rinnovi di Calhanoglu e Donnarumma, rivelatisi più complicati del previsto, un po’ per le richieste eccessive dei procuratori e soprattutto perché il fatidico quarto posto non è ancora in cassaforte (nonostante la splendida stagione fatta fin qui), conditio sine qua non (a quanto pare) fondamentale per la loro permanenza.

Ma non è solo il Milan ad avere di questi problemi. La Juve deve fronteggiare i mal di pancia di Cristiano Ronaldo e Dybala, entrambi per motivi diversi sul filo del rasoio dopo una stagione non proprio indimenticabile. Il primo chiede rinforzi per ritrovare la competitività smarrita ma il suo ingaggio lordo di 57 milioni resta un macigno, il secondo attende un rinnovo che tarda ad arrivare anche perché a certe richieste (15 milioni?) Agnelli non intende minimamente piegarsi.

 

Mantenersi all’altezza

 L’Atalanta punta invece a confermarsi nell’élite europea per il terzo anno di fila. La virtuosa società bergamasca ha dimostrato di poterci stare senza problemi delle migliori 32 del continente, in entrambe le stagioni ha superato almeno la fase a gironi e tra le pretendenti ai 3 posti rimasti, è la più in palla visto che, tolta l’Inter, nelle ultime 10 giornate è quella che ha fatto più punti, ben 25 su 30. Ma attenzione perché Napoli, Roma e Lazio non hanno assolutamente intenzione di mollare. I partenopei hanno recuperato posizioni e fiducia e sono attesi all’ennesimo bivio della stagione contro l’Inter. La Roma di Fonseca potrebbe essere distratta dalla meritatissima (Ten Hag prima o poi se ne farà una ragione) semifinale di Europa League e Simone Inzaghi sogna di riprovare l’ebrezza provata nella passata stagione quando ha riportato la Champions a Roma ben 20 anni dopo. Tutto può davvero succedere.

8 giornate decisive anche per le vostre fantaleghe, siete pronti a schierare la vostra formazione?

 

CROTONE – UDINESE

I calabresi sono ormai con un piede e mezzo in Serie B ma le restanti otto partite se le giocheranno con lo stesso spirito mostrato finora perciò Simy e Messias meritano comunque la titolarità. Friulani a un passo dalla salvezza, De Paul e Pereyra con la mente sgombra restano imprescindibili.

 

SAMPDORIA – VERONA

Obiettivi raggiunti per entrambe. Da qui in avanti ci si può divertire. Thorsby ci è andato vicino col Napoli, ci riproverà. Vita dura per gli esterni scaligeri, bonus in vista per Lasagna, ultime chance per Zaccagni.

 

SASSUOLO – FIORENTINA

Partita da over. Soprattutto se rientrasse Berardi. Ma confido in Djuricic. Bonaventura spesso ha colpito il Sassuolo, io ci proverei.

 

CAGLIARI – PARMA

E’ davvero l’ultima spiaggia per i sardi. Arriveranno bonus da Joao Pedro e Pavoletti. La pochezza degli emiliani è ormai conclamata. Solo Kucka, da rigorista, merita un posto da titolare nel vostro 11.

 

MILAN – GENOA

Rossoneri privi di Ibrahimovic, impossibile fallire visti gli scontri diretti delle rivali. sarà Calhanoglu a suonare la carica per scacciare il mal di San Siro. Mancherà la spinta di Zappacosta tra i grifoni, eviterei anche i centrali di centrocampo, a rischio giallo.

 

ATALANTA – JUVENTUS

Lo spareggio Champions ha due nomi e cognomi, Zapata (spesso letale con i bianconeri) e Chiesa (sfrutterà l’uno contro uno nelle ripartenze). Saranno loro a deciderla. E peserà l’assenza di Romero.

 

BOLOGNA – SPEZIA

Partita in cui un pari potrebbe essere comodo per entrambe. Ma lo Spezia dopo la sbornia col Crotone potrebbe essere un po’ allegro. E allora dico 3a1 Bologna. Segnano Soriano, Orsolini e Svanberg. Di Gyasi il gol della Bandiera.

 

LAZIO – BENEVENTO

Nel derby degli Inzaghi potrebbe prevalere il volemose bene ma la Lazio ha estrema necessità dei 3 punti per non mollare le zone alte. Il rientro di Lazzari potrebbe dare uno scossone. Non mi sembra la partita adatta per schierare Gaich.

 

TORINO – ROMA

Sanabria più di Belotti sembra in grado di far male ai giallorossi. Il rientro di Singo è un’altra buona notizia per Nicola (e anche per voi fantallenatori). Ancora tanti assenti per Fonseca, tra cui Pellegrini per squalifica. Ma Mkhitaryan potrebbe produrre almeno un assist.

 

NAPOLI – INTER

La giornata 31 si chiude in bellezza. Nonostante una difesa di ferro, darei una chance a Osimhen. Mi convince meno l’opzione Hakimi in questa giornata. Ma un gol potrebbe arrivare dalla difesa. De Vrij o Koulibaly.

Per altre fantanews, clicca qui.

Fonte immagine: *Facebook.

Sommario
Fantacalcio, 31a giornata: Felicissima Champions
Titolo
Fantacalcio, 31a giornata: Felicissima Champions
Descrizione
A 8 giornate dalla fine del campionato la lotta per i 3 prestigiosi posti si fa sempre più serrata. Ma quanto vale davvero questa qualificazione?
Autore