in

Fantacalcio, 28a giornata: Senza esclusione di “colpe”

Mentre le italiane affondano in Europa e si cercano i colpevoli del misfatto qualcuno riesce a mostrare come si può risultare vincenti pur avendo perso malamente

Analisi e consigli su chi schierare al fantacalcio
Fonte immagine: *Facebook

Se vi aspettate che in questo mio pezzo io vada a cercare le cause del tracollo italiano in Europa siete fuori strada. In queste ore troppi ci hanno provato e nessuno ha dato una risposta soddisfacente probabilmente perché non esiste una soluzione univoca, valida per tutti e nessuno, amici miei proprio nessuno ha la bacchetta magica. E se qualcuno ha la presunzione di poter risolvere i problemi con uno schiocco di dita probabilmente fino ad ora ha vissuto su un altro pianeta, totalmente avulso dalla realtà. Che è ben diversa.

Mancano le basi

Ascoltare i post partita degli allenatori italiani è diventato stucchevole oltre che pressoché inutile. Tutti orrendamente stereotipati a evidenziare “episodi negativi” che hanno deciso le partite senza mai mettersi in discussione, col pessimo vizio di dare la colpa dell’insuccesso a qualcuno o qualcos’altro.

Senza fare nomi (che tanto il discorso vale un po’ per tutti o quasi…), si fa una tremenda fatica ad accettare le sconfitte, diventa tutto un aggrapparsi su specchi insaponati per non essere capaci di ammettere lacune (individuali e collettive) che in alcuni casi sono lampanti. Difficile assumersi responsabilità, quasi impossibile poi sentire un elogio nei confronti dell’avversario che si è dimostrato essere più forte, a volte nel calcio come nella vita può capitare che qualcuno sia più bravo di te. E in questa imbarazzante fiera della “noncultura sportiva” stride come un’unghia che graffia un vetro il tributo che Mourinho ha riservato ai giocatori della Dinamo Zagabria. Lo “Special One” (mai tale definizione è più azzeccata come in questa circostanza) entra nello spogliatoio degli avversari per applaudirli e complimentarsi dopo aver subito la clamorosa ed inattesa eliminazione del suo Tottenham dall’Europa League. Nel dopopartita ammetterà la sua delusione per il pessimo atteggiamento mostrato dai suoi. Che lezione. Chapeau.

Leggi anche...  E anche l’Atalanta saluta la Champions League

Scelte difettose

Nella stagione in cui i vertici del calcio italiano riescono a scatenare polemiche qualunque scelta facciano sarebbe cosa gradita garantire un minimo di regolarità a un campionato già di suo traballante a causa della pandemia. Non bastava il pasticcio di Juve-Napoli a cui si è aggiunto l’imbarazzante silenzio della Lega in occasione di Lazio-Torino, (su cui vi ho già espresso il mio pensiero qualche settimana fa) ecco che spunta un nuovo elemento di discussione in cui la superficialità regna sovrana. E ovviamente mi riferisco all’ennesimo rinvio del match tra bianconeri e partenopei in cui la “legittima” richiesta di slittamento del match avrebbe dovuto tener conto che Juventus e Napoli non giocano un campionato a parte ma lo condividono con altre 18 squadre che da una simile modifica avrebbero potuto trarne svantaggi. E quindi perché non tenerne conto? La Roma ha provato a farsi sentire ma la risposta, per dirla alla “Fienga” (ceo della Roma ndr), è stata più ridicola della decisione. La Lega sostiene infatti che una simile scelta non abbia necessità di essere motivata. Un po’ l’atteggiamento del marchese del Grillo di Sordiana memoria, quello di “io so’ io e voi non siete un c….”.

In questo clima di confusione generale, noi fantallenatori abbiamo ancora una formazione da schierare prima della Benedetta (un po’ per tutti) sosta per le nazionali.

 

PARMA – GENOA

Il Parma è vivo più che mai e questa è un’occasione da non fallire. Ancora un volta la velocità di Mihaila potrebbe incidere. Ma i fantallenatori si aspettano un sussulto da Destro, e io pure. Schieratelo.

 

CROTONE – BOLOGNA

Cosmi a Roma l’aveva quasi sfangata ma i limiti della rosa restano, a parte Simy che trova sempre l’acuto. Il Bologna sta mostrando continuità di prestazioni per cui fiducia a BarrowSvanberg.

 

SPEZIA – CAGLIARI

Tanti indisponibili tra i liguri, tra cui Nzola e Saponara. Gyasi imprescindibile, dopo tanta attesa potrebbe arrivare un bonus da Ricci. Tra i sardi Marin ha mostrato gamba e sulla fascia rientra Lykogiannis. Crederci è un obbligo.

 

INTER – SASSUOLO RINVIATA

 

VERONA – ATALANTA

Si faranno sentire le scorie europee per gli uomini di Gasperini? Nel dubbio dentro gli esterni di Juric, Faraoni e Lazovic. Nell’Atalanta Romero è una puntata sicura. Turno di riposo per Pessina.

 

JUVENTUS – BENEVENTO

Difficile sconsigliare bianconeri contro un Benevento versione gruviera. Tra gli uomini di Inzaghi punterei su Viola ma solo per le sue capacità balistiche. Sempre che non abbiate di meglio.

 

SAMPDORIA – TORINO 

Le vittorie in rimonta regalano fiumi di adrenalina. Potrebbe approfittarne Ansaldi, sempre prezioso con i suoi cross. Ranieri si diverte a mischiare le carte ma stavolta mettiamo la fiche su Jankto e Augello.

 

UDINESE – LAZIO

Non chiedetemi perché ma ho la sensazione che Llorente potrebbe incidere. Tra i biancocelesti non sottovalutate l’apporto di Caicedo che dopo il gol vittoria col Crotone ha ritrovato entusiasmo.

 

FIORENTINA – MILAN

Rossoneri reduci dall’eliminazione europea. Difficile che la formazione sia molto diversa da quella che ha insidiato lo United. Tra i viola tanti dubbi ma l’ex Bonaventura potrebbe dare un dispiacere ai suoi ex compagni.

 

ROMA – NAPOLI

Quando Gattuso può allenare i suoi per tutta la settimana i risultati si vedono. Politano is on fire, per la Roma la velocità di Spinazzola creerà fastidi molteplici a Di Lorenzo. E Dzeko? Dentro anche lui.

Per altre fanta news, clicca qui.

Fonte immagine: *Facebook

Sommario
Fantacalcio, 28a giornata: Senza esclusione di “colpe”
Titolo
Fantacalcio, 28a giornata: Senza esclusione di “colpe”
Descrizione
Mentre le italiane affondano in Europa e si cercano i colpevoli del misfatto qualcuno riesce a mostrare come si può risultare vincenti pur avendo perso malamente
Autore