in

Fantacalcio, 26a giornata: È già tutto scritto? Forse no…

L’Inter ha preso il largo sulle inseguitrici ma le insidie sono dietro l’angolo a cominciare dalla banda di Gasperini che ha intenzione di dare battaglia

Fantacalcio, 26a giornata: E' già tutto scritto? Forse no...
Fonte immagine: *Facebook

Quello che sembrava il campionato più equilibrato degli ultimi 10 anni, ha preso quasi improvvisamente, ma non in maniera del tutto imprevedibile, una piega che che lo indirizza verso la sponda nerazzurra dei navigli. Che la squadra di Conte fosse la favorita numero uno si era ipotizzato dalla sera del 9 dicembre quando l’Inter fu estromessa malamente dall’Europa.

In una stagione dai ritmi incessanti non era difficile ipotizzare che la settimana sgombra da impegni   potesse diventare il fattore decisivo nella corsa Scudetto. Ma c’è di più.

 

Tutti in affanno…tranne una

L’Inter ha meritatamente preso il largo nelle ultime giornate approfittando del calo di zuccheri dei cugini rossoneri, divenuti inevitabilmente più altalenanti rispetto al girone d’andata, un po’ per aver iniziato la stagione quando tutti gli altri erano ancora al mare a godersi un po’ di giorni di sole, inoltre per l’infinita quantità di guai fisici che ha messo fuori causa la spina dorsale della squadra di Pioli, in modo particolare Bennacer, Calhanoglu e Ibrahimovic.

 

La solidità smarrita

Discorso analogo per la Juventus che, pur essendo ancora in corsa per tutte e tre le competizioni, ha steccato in più occasioni dimostrando pecche sensibili a livello collettivo e individuale. E nelle ultime settimane ha l’infermeria più affollata di una spiaggia del Salento nel mese di Agosto. Ci sono alcuni elementi di cui Pirlo ha dimostrato di non poter fare davvero a meno, sia per l’inadeguatezza dei sostituti ma anche per l’unicità all’interno della rosa di gente come Arthur, Cuadrado, e Morata per non parlare di Dybala che, eccetto la serata del 3a1 a San Siro col Milan, non si è mai visto. E  non è poco.

 

Finale annunciato?

E invece Conte non ha di questi problemi, anzi può contare sulla rosa pressoché al completo e su una consapevolezza che va crescendo giornata dopo giornata. Qualcuno dirà che il campionato è ancora lungo, che il Covid è in agguato e che tutto può accadere. Verissimo, e già da questa giornata le carte potrebbero nuovamente mischiarsi, ma la sensazione è che scommettere su un esito finale  alternativo, in questo momento è piuttosto improbabile.

E allora andiamo a studiarcela questa giornata 26 cercando di schivare le insidie inevitabili del post-infrasettimanale.

 

SPEZIA – BENEVENTO

La classifica dice che non si può sbagliare più, i bonus accumulati sono quasi esauriti. Italiano ha più certezze rispetto a Inzaghi, si chiamano Maggiore (si ancora lui) e Gyasi. Dall’altra parte sarà Viola a trascinare i suoi in fase offensiva.

 

UDINESE – SASSUOLO

Si incrociano due filosofie agli antipodi, fisicità contro tecnica e possesso. Sassuolo che non deve farsi irretire dal non gioco dei bianconeri, serviranno le giocate di Djuricic. Per l’Udinese potrebbe essere una buona occasione per un bonus da Pereyra. Arslan proprio no.

 

JUVENTUS – LAZIO

Morata si o no? È il grande interrogativo di questo big match. Voi nel dubbio schieratelo. Anche mezz’ora potrebbe bastare, stesso discorso per Cuadrado al rientro. Lazio riposata ma con la difesa rattoppata. Eviterei Reina, ma a Luis Alberto non si può mai rinunciare.

 

ROMA- GENOA

Identità e strategia, concetti chiariti da Fonseca nel post partita di Firenze. Contro le medio-piccole è un dogma che funziona. Dentro Smalling e Borja Mayoral. Attenzione a Destro che con le sue ex di solito non sbaglia.

 

CROTONE – TORINO

Dura la vita per chi subentra in corsa. Durissima per Cosmi che deve rinunciare a diversi titolari. Simy è tornato al gol, potrebbe essere una scommessa da fare. Nicola deve mettere insieme i pezzi di una squadra decimata dal Covid, necessariamente Zaza il faro offensivo.

 

FIORENTINA – PARMA

Mi sbilancio: il Parma visto contro l’Inter può fare risultato pieno contro i viola. In che modo? Con Kucka e Mihaila (anche se dovesse entrare a partita in corso). Senza Ribery e Castrovilli prevedo l’ennesima domenica difficile per Prandelli. Milenkovic unica ancora di speranza.

 

VERONA – MILAN

Quale Milan dobbiamo aspettarci? Quello straripante di Roma o quello intimorito visto con l’Udinese? Nel dubbio, dentro Rebic. Attenzione a Calabria che dovrà fronteggiare Lazovic e Di Marco. Se giocasse Tomori eviterei di schierare Lasagna.

 

SAMPDORIA – CAGLIARI

Mi sento in vena di pronostici. Finisce 1-1, segna Ekdal e pareggia Lykogiannis. Chi attende un bonus da Nainggolan potrebbe rimanere deluso. Idem Quagliarella che ha qualche problemino fisico.

 

NAPOLI – BOLOGNA

Gli azzurri sull’orlo di una crisi di nervi. Servirà il fosforo di Politano per calmare le acque. Il “vagabondo” Sinisa, dopo le performance sanremesi potrebbe riproporre Vignato ma per me è sempre Sansone la puntata sicura dei rossoblù anche se partisse dalla panchina.

 

INTER – ATALANTA

Gran finale del monday night. E come in tutti i big match la teoria è sempre la stessa. Da due squadre che hanno segnato 122 gol in due ci dobbiamo aspettare una partita da over. Due nomi ve li regalo: Lautaro e Pessina. Saranno scintille.

Per altre fanta news, clicca qui.

Fonte immagine: *Facebook.

Sommario
Fantacalcio, 26a giornata: E' già tutto scritto? Forse no...
Titolo
Fantacalcio, 26a giornata: E' già tutto scritto? Forse no...
Descrizione
L'Inter ha preso il largo sulle inseguitrici ma le insidie sono dietro l'angolo a cominciare dalla banda di Gasperini che ha intenzione di dare battaglia
Autore