in ,

Fabio Caressa vittima de “Le Iene”

lo scherzo de Le Iene a Fabio Caressa, complice sua figlia
Fonte video: iene.mediaset

Spero che tanti di voi seguano “Le Iene” e che, magari, abbiano visto il bellissimo scherzo a Fabio Caressa, nel quale sono stato complice.

Devo dire che, personalmente, nonostante il palese conflitto di interessi, l’ho trovato davvero bellissimo, non è un aggettivo di circostanza.

Ma in generale sono tutti ben fatti, anche se, non mi crederete, a volte quando li guardo vorrei cambiare canale perchè mi immedesimo troppo nel personaggio che deve subire…

E’ come un film, dove non recitano tutti ma c’è una vittima designata che soffre veramente per quello che accade.

Beh, da quando sono partecipe a qualche scherzo, riesco ad arrivare in fondo perchè l’ingresso della Iena di turno che svela tutto è come una boccata d’ossigeno, è una sorta di premio per il lavoro svolto e, ovviamente, una liberazione, per quanto angosciante, per la vittima.

La mia collaborazione è assolutamente occasionale, innanzitutto perchè magari ce ne sono tanti più bravi di me, e poi perchè, per quanto paradossale, devi essere dimenticato e non ricordato.

Una volta giornalista, una volta agente di moda, una volta medico, una volta faccendiere, questa volta cornuto…

Al di la delle battute degli amici, che mi hanno ricordato che mi sono allenato per anni per questo ruolo, resta il fatto che ad esso si lega l’aneddoto che vado a raccontarvi.

A proposito, se vi viene in mente che tutto sia preparato sappiate che sbagliate di grosso.

Praticamente sempre ho saputo solo il giorno prima che sarei stato complice di uno scherzo, addirittura non certo del ruolo che sarei andato a svolgere, e questo perchè gli autori vanno a tessere la tela fino a quando non ci sono le condizioni per entrare in azione.

Fabio Caressa è stato nostra vittima in pieno lockdown e io ero al mare per motivi lavorativi, visto che stavo preparando un articolo sulla Romagna ai tempi del Covid 19, per la rivista che dirigo.

Il regista mi telefona e mi chiede se me la sento di fare quella parte e io dico subito di si, ma in realtà nemmeno ascolto perchè sono disponibile a spaziare da Ministro degli Esteri a venditore di bibite allo stadio ( per evidenziare la differenza di ruolo, con il massimo rispetto per ogni categoria ).

La sera, in pantaloncini e felpa, faccio footing ( una camminata onestamente da parco di una casa di riposo..) e mi viene chiesto di entrare in azione.

Il paese, Lido di Classe, in provincia di Ravenna, causa lockdown, è completamente deserto e io devo parlare al telefono in viva voce con Caressa, nel ruolo del marito tradito.

Il risultato è che entro nell’unico locale aperto, una pizzeria, e imploro il pizzaiolo di riprendermi con il suo cellulare.

E’ a quel punto che una coppia che arriva per due prosciutto e funghi da asporto, si trova uno che impreca contro la moglie con il telefono in mano, urlando che la porterà in tribunale, e il pizzaiolo che fa segno di attendere mentre riprende la scena.

Credo che solo la fame, e l’assenza di alternative, non li abbia fatti desistere…

Tutto fila alla perfezione, comunico al regista che c’è cascato in pieno, e gli altri complici proseguono nella loro parte.

Mi vedo “Le Iene” qualche settimana dopo e mi godo il prodotto finale, montato ad hoc: Fabio Caressa la prende con spirito, la figlia, Matilde, è una fuoriclasse.

Penso che diventerà anche lei una bravissima giornalista.

Un giorno a Fabio regalerò il mio libro “Poker storie!” e gli dirò: “Grazie per avermi fatto innamorare del Texas hold’em e perdonami per quello scherzo!”.

Per altri editoriali di Jack Bonora, clicca qui.

Fonte video: iene.mediaset.it

Sommario
Fabio Caressa vittima de "Le Iene"
Titolo
Fabio Caressa vittima de "Le Iene"
Descrizione
Jack Bonora racconta la sua partecipazione allo scherzo de Le Iene a Fabio Caressa
Autore
Jack Bonora

Scritto da Jack Bonora

Jack Bonora, giornalista bolognese, 51 anni. Da 35 racconto quello che succede nel mondo, vorrei continuare...