in

Eriksson su designazioni arbitrali: nuovi dubbi.

Punta il dito contro la UEFA, per Euro2020.

eriksson share hibet social
Fonte immagine: Instagram

Come vengono scelti gli arbitri? Chi è che sceglie quale arbitro far entrare in campo? Se uno piuttosto che un altro?

Secondo Eriksson non c’è niente di chiaro e di limpido dietro queste procedure, anzi getta nuove ombre sulla UEFA e afferma: “Ci si chiede spesso come vengano scelti gli arbitri impegnati nelle fasi finali di queste grandi manifestazioni. Ebbene, il fatto è che la questione è molto oscura. C’è tanta politica sporca dietro, è un mondo falso. La corruzione e la falsità la fanno da padrone. Il calcio dovrebbe essere di tutti, seguire le regole del fair play. Invece le designazioni vengono fatte in stanze chiuse, pensando solo agli interessi personali che al bene dello sport”.

Leggi anche...  La medaglia non si toglie

Il fischietto svedese non ci pensa due volte a dire quello che pensa senza filtri e insinua il seme del dubbio sulle designazioni arbitrali che vengono fatte soprattutto per le grandi rassegne continentali, manifestando il suo disappunto soprattutto per le scelte fatte per Euro2020.

Chissà come e se risponderà UEFA a queste accuse lanciate nel caos arbitri.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio e vedere qualche protagonista in diretta.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @jonaseriksson01

Sommario
Eriksson su designazioni arbitrali: nuovi dubbi.
Titolo
Eriksson su designazioni arbitrali: nuovi dubbi.
Descrizione
Eriksson punta il dito contro la UEFA, per Euro2020: dubbi su designazioni arbitrali.
Autore