in

Groenewegen torna a correre: “Posso guardare Jakobsen negli occhi”

C’è stato un chiarimento tra i due corridori

Jakobsen Groenewegen
Fonte immagine: Twitter

Dopo quasi un anno di attesa, alla fine c’è stato il tanto sospirato incontro tra Dylan Groenewegen e Fabio Jakobsen. L’ultimo incontro tra i due corridori non è stato esattamente bello da vedere e da vivere. Il ciclista olandese aveva causato un terribile incidente durante la scorsa edizione del Giro di Polonia, mandando il suo rivale sulle transenne e causando gravi danni fisici al suo connazionale, che ha anche rischiato la vita.

Ovviamente dopo quella carambola terrificante Groenewegen è stato estromesso dalla corsa e in seguito squalificato. Dopo qualche mese di riflessione e l’ammissione di averla fatta grossa, il corridore della Jumbo Visma è tornato a pedalare ma soprattutto ha atteso di poter finalmente incontrare Jakobsen. L’incontro è avvenuto durante il recente Giro di Turchia, con i due olandesi che sono apparsi abbastanza distesi.

Il confronto

Groenewegen ha ammesso di essersi confrontato con Jakobsen, dopo aver atteso a lungo questo momento: “Io e Fabio finalmente possiamo tornare a guardarci negli occhi. Avevo mandato dei messaggi alla famiglia di Fabio dopo l’incidente ed è stato suo padre a rispondermi e a ringraziarmi. Sapevo che Fabio non mi avrebbe risposto, ma speravo di ricevere un suo messaggio prima o poi. Ci siamo visti ad Amsterdam. Abbiamo parlato, sfogato i nostri cuori, diciamo. È stata una conversazione molto piacevole per entrambi”.

Leggi anche...  Magnussen, una famiglia al volante: padre e figlio correranno a Le Mans

L’olandese non ha voluto svelare i dettagli della chiacchierata, ma ha aperto il suo cuore dopo quei giorni difficili: “Non è stato bello per me sentire certe accuse, ma dobbiamo accettare il punto di vista degli altri. All’inizio avevo anche difficoltà a guardarmi allo specchio e pensavo senza sosta a quello che era successo. Sentivo solo quel botto, tutto il tempo. Giorno dopo giorno. Ogni suono mi spaventava, anche una porta che si chiudeva”.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Twitter