in

Dovizioso ha riaperto la corsa al Mondiale?

Fonte immagine: Flickr

Il trionfo dopo la grande paura per l’incredibile incidente tra Zarco e Morbidelli, che avrebbe potuto causare danni ben più gravi se la fortuna non avesse assistito Valentino Rossi. Ma soprattutto, una grande vittoria 24 ore dopo l’improvviso ma non imprevisto annuncio di addio alla Ducati al termine di questa stagione. In queste brevi righe si può riassumere il Gran Premio d’Austria di Andrea Dovizioso.

Il ducatista è stato magistrale soprattutto dopo la ripartenza, in seguito allo scontro in Curva 3 dell’ottavo giro. Il forlivese ha avuto la bravura di attendere il momento giusto per attaccare il suo compagno di marca Jack Miller, soprattutto dopo una fase in cui erano le Desmo a essere sotto attacco. In particolare per via del pressing del tandem della Suzuki, composto dagli spagnoli Mir e Rins.

La caduta di quest’ultimo mentre era in terza posizione, incollato al Dovi e all’australiano, ha in un certo senso agevolato il compito a Dovizioso. Se non altro perché la manovra dello spagnolo ha messo un po’ in soggezione gli altri. Tutti ma non Dovizioso, il quale ha attaccato Miller e si preso una vittoria fondamentale. Per il prosieguo della stagione e per la sua psiche, visto l’addio doloroso alla Ducati annunciato il giorno prima.

E con questi 25 punti pesanti e dello stesso valore dell’oro, Dovizioso si rilancia anche nella corsa al Mondiale. Un’altra giornata complicata per Quartararo ha fatto sì che il distacco tra l’azzurro e il leader mondiale sia sceso a 11 punti. La resa dei conti è prossima tra i due.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Flickr

Francesco Cammuca