in

Le donne dei calciatori: Renato Portaluppi ed i 5.000 flirt

donne dei calciatori, Renato Portaluppi
Fonte immagine *renato-portaluppi

Quando si pensa alle donne dei calciatori, la mente va spesso ai bomber più recenti, ad esempio Bobo Vieri o Mario Balotelli, ma il vero latin lover è Renato Portaluppi.

Il cosiddetto bidone degli anni ’80, in Italia non centrava mai la porta ma faceva centro nel cuore di tantissime donne.

Ai tempi della Roma, durante la stagione 1988-1989, il calciatore arriva a Trigoria in elicottero, come una star anche per il look: capelli lunghi, occhiali da sole, camicia sbottonata fino al petto. Da subito cerca di ostentare il suo talento nel calcio “io sono più forte pure di Maradona” e non solo… “Ben presto i terzini italiani si accorgeranno di me, ma soprattutto se ne accorgeranno le loro mogli”.

Un po’ arrogante ma, si sa, ad alcune donne piacciono i tipi con l’aria da cattivo ragazzo, da impunito, fuori dagli schemi ma intrigante.

Tecnicamente preparato, il brasiliano era considerato un fuoriclasse nel suo Paese, in realtà anche da noi, prima che indossasse la maglia giallorossa.

Renato Portaluppi non è riuscito ad emergere nella Roma dal punto di vista calcistico: 23 presenze e zero gol in Serie A, 3 partite e 1 rete in Coppa Uefa, 6 apparizioni e 3 reti in Coppa Italia. Sicuramente era il soggetto più ricercato dai fotografi, con la sua chioma sempre perfetta per una copertina.

La sua Maristela lo aspettava a casa, di certo non poteva dormire su 10 cuscini quando il marito usciva. Frequentava spesso una discoteca nel quartiere Parioli e sulla sua Lamborghini gialla c’era sempre qualche ragazza. Ma queste sono solo parole, i numeri sono quelli che contano: “Ho avuto 5 mila donne”. Più numeri di così!

E che importa se Pelè era da far girare la testa in campo: “Per ogni tuo gol, io ho conquistato una ragazza”. In effetti diamo a Cesare quel che è di Cesare! Per questo i compagni lo chiamavano il “Pube de oro”, in riferimento alle sue prestazioni esagerate.

Dopo la carriera da calciatore, Renato Portaluppi è passato ad allenare il Gremio ed è l’unico calciatore brasiliano ad aver vinto la Coppa Libertadores, sia da calciatore che da allenatore. “Per ciò che ho fatto al Grêmio, meriterei una statua”, come sempre, viva l’umiltà!

Arrogante sì ma non con la sua famiglia. Renato è un papà dolce che infrange le regole per amore di sua figlia, Carolina. La bellissima ragazza, seguitissima sui social in Brasile, ha fatto invasione in panchina per stringere a sé il suo caro papino reduce di un successo sul campo. Un gesto romantico che è costato 27 mila euro. Niente che il Don Giovanni non possa permettersi.

D’altronde le donne dei calciatori non sono mai troppe, che si tratti di figlia, moglie o altro, Renato è ancora circondato dal gentil sesso…

Per altre curiosità, clicca qui.

Fonte immagine: *renato-portaluppi Instagram