in

DIEGO COSTA ADESSO È SENZA SQUADRA: a chi farebbe comodo.

Il giocatore ha rescisso con l’Atletico Madrid per motivi personali e adesso può scegliere dove andare

diego_costa_squadra_atletico_madrid
Fonte immagine: Instagram

È ormai ufficiale la separazione di Diego Costa dall’Atletico Madrid, avvenuta tramite una rescissione consensuale del contratto per “motivi personali”. 

Non sarà sicuramente facile capire i veri motivi che si nascondono dietro la decisione del calciatore, quel che è certo è che adesso dovrà ripartire e dare slancio ad una carriera che negli ultimi anni ha visto più ombre che luci. 

Chi punterà sull’attaccante iberico? Esistono squadre ad aver bisogno di un centravanti della sua caratura?

I COSTI DELL’OPERAZIONE

Per prima cosa però, va specificato il costo che comporterebbe un possibile ingaggio di Diego Costa: il calciatore infatti percepisce un ingaggio monstre da 8,5 milioni netti a stagione, cosa che sicuramente restringerà il cerchio sulle squadre che possono permetterselo. 

Va detto inoltre che l’Atletico Madrid ha inserito una “doppia clausola” all’interno della rescissione: Nel caso in cui il centravanti dovesse legarsi al Real Madrid, al Barcellona o al Siviglia sarebbe costretto a pagare una penale di 15 milioni. I colchoneros, dal canto loro, potrebbero ottenere un indennizzo di 5 milioni se Diego Costa dovesse firmare per una società che si è qualificata per gli ottavi di Champions League. 

A CHI PUÒ SERVIRE IL CENTRAVANTI

Tutte le condizioni dell’operazione dettate sopra non facilitano di certo il calciatore a trovare una squadra che faccia al caso suo.

Partendo dalle italiane, al Milan farebbe comodo un secondo centravanti per far rifiatare un Ibrahimovic non più giovanissimo, ma la personalità forte (dannevole se entra in contrasto con lo svedese) e la dubbia integrità fisica di Diego Costa, porta i rossoneri a virare da altre parti. Altra squadra italiana che potrebbe tornare sul mercato degli attaccanti è la Juventus, avendo il solo Morata a ricoprire tale ruolo. Anche in questo caso però, Madama non è convinta dell’integrità fisica del calciatore e dell’ingaggio troppo elevato che percepisce.  Le uniche alternative che rimangono al calciatore sono rappresentate dalla Cina e dal Brasile, dalle quali ha già ricevuto svariate offerte, ma l’idea che affascina di più il calciatore è un possibile ritorno in Premier League: nelle sue tracce infatti, si è recentemente messo l’Arsenal, con Arteta pronto a convincere il calciatore a vestire la maglia dei Gunners. Ciò comporterebbe un grosso tradimento di Diego Costa, avendo già vestito per 4 anni (dal 2014 al 2018 nda) la maglia degli acerrimi rivali del Chelsea.  

Si prospetta quindi un difficile inizio di 2021 per Diego Costa, alla ricerca della sua migliore forma fisica e di una squadra che lo faccia diventare nuovamente quello spietato centravanti che abbiamo ammirato per gran parte della sua carriera.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Instagram

Antonino Nicolò