in ,

Virtus-Fortitudo: il derby “fantascienza”

Derby di basket di Bologna Virtus- Fortitudo
Font e immagine: *Facebook

A Bologna il derby di basket è religione, ho perso il conto di quanti ne ho visti, prima da tifoso, poi da giornalista.

Ho voluto esserci anche a quello di domenica, nella Segafredo arena, situata nella Fiera, quella dove, per intenderci, si teneva il Motor show. Una struttura da 9000 posti con non più di 200 persone all’interno, tra giornalisti, steward, dirigenti e sponsor. Tutti ovviamente con la mascherina d’ordinanza. Il derby è sempre stato la consacrazione delle tifoserie di Virtus e Fortitudo e, invece, questa volta non c’erano, si giocava in un clima irreale da amichevole estiva. Per la cronaca ha vinto la Virtus, contro una squadra che aveva praticamente sette giocatori abili e arruolati.

La Fortitudo ha pure rischiato di vincere e sarebbe stato il degno finale di un derby da film di fantascienza. Da film sul futuro anni 70. Immaginarci nell’impianto deserto, con la mascherina davanti al naso e alla bocca: esserci, credetemi, fa un effetto stranissimo. Si ha la sensazione di vivere in un mondo ovattato, privo di emozioni, con il terrore che non possa mai più tornare quello di prima. Per credere, invece, che possa accadere, bisogna andare sui social, perché è come andare al bar nel dopo partita e sentire i tifosi delle opposte fazioni che litigano.

Torna a farti annusare un meraviglioso profumo di vita. “Era fallo!”, “Arbitro venduto!”, e di colpo ti rendi conto che ci sei ancora, che ci siamo ancora, che non vediamo l’ora che questo incubo finisca per tornare a ridere, o anche a litigare, per le cose più banali del mondo. Il basket non può essere quello che ho visto ieri, lo sport non può essere quello che ho visto ieri, la vita non può essere quella che stiamo vedendo.

Per altri editoriali di Jack Bonora, clicca qui.

Fonte immagine: *Facebook

Sommario
Virtus-Fortitudo: il derby "fantascienza"
Titolo
Virtus-Fortitudo: il derby "fantascienza"
Descrizione
Virtus-Fortitudo: il derby "fantascienza" di Bologna giocato alla Segafredo arena.
Autore