in

De Zerbi convinto: “Con il Brighton per andare in Europa”

de zerbi share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @stats_24

Roberto De Zerbi rivive il cammino effettuato in questi ultimi due anni. E non si può non ricominciare dal lavoro che è stato costretto a interrompere in Ucraina, allo Shakhtar Donetsk: “Calcisticamente, un lavoro a metà. A livello umano stupore e smarrimento. Noi non sappiamo niente di guerra oggi, cosa significa dover andare via da un Paese dall’oggi al domani. Lo accetti perché sei obbligato, ma non riesci a capire se è vero o un incubo. Poi guardando la televisione ti accorgi che è la verità”.

Il tecnico italiano ha fatto capire anche come ha vissuto a livello umano il distacco forzato dal campo e dalla panchina: “Dopo lo Shakhtar volevo stare fermo fino a quando non sentivo l’esigenza di ripartire. Ho prima di tutto aspettato che il calcio in Ucraina ripartisse: in realtà lo ha fatto, ma quello non è ripartire veramente, è una sorta di tirare avanti. Quando sono tornato in Italia ho avuto subito proposte, anche belle. Le ho rifiutate perché non me la sentivo. Ma quando sono ricominciati i campionati ho sentito la carica che mi saliva”.

De Zerbi, rivincita a Brighton

Ora De Zerbi è l’astro nascente della panchina, mettendosi alla guida di un Brighton che sogna in grande. Queste le sue parole alla Gazzetta dello Sport: “Io penso che se uno si comporta bene nella vita, fortuna e bene gli ritornano. In Ucraina è girata male, però mi sono comportato bene e ho avuto la fortuna di avere una chiamata così importante e prestigiosa. Ho accettato per due motivi: il primo è perché mi ero studiato la squadra e mi piaceva, anche se era un po’ distante dalla mia idea; il secondo è che il primo meeting a Londra con presidente, d.g. e d.s. è durato 5 ore, ma mi ha fatto capire tanto”.

Ma qual è l’obiettivo dell’ex tecnico di Sassuolo e Shakhtar, in vista della fine della sua prima stagione in Premier League? Le idee, come sempre, sono molto chiare: “È arrivare in Europa, quale lo vedremo. Non penso alla semifinale di FA Cup, ma alle partite che ci sono prima in Premier che per me sono determinanti. Noi abbiamo 3 gare in meno: sembra un vantaggio, ma quelle 3 partite in più appesantiscono le altre perché non abbiamo una rosa lunghissima. Ma arriviamo preparati giusti, assatanati giusti”.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @stats_24

blog hibet