in

DALLA CATEGORIA ALLA NAZIONALE: ecco la carriera di Giampiero Ventura

La carriera del tecnico genovese, tra luci e ombre.

giampiero ventura nazionale share hibet social
Fonte immagine: Flickr

A poco più di quattro anni dalla cocente eliminazione dai mondiali per mano della Svezia, Giampiero Ventura, Commissario Tecnico di quella nefasta nazionale, lascia definitivamente il calcio.

Una carriera, quella del genovese, tutto sommato modesta, che però è stata macchiata dalla scelta di sedersi sulla panchina della nazionale italiana. Andiamo a vedere più nel dettaglio il percorso di Ventura, e come è arrivato a guidare gli azzurri nelle qualificazioni al mondiale:

L’ASCESA DALLE CATEGORIE MINORI

Dopo aver concluso la sua carriera da calciatore, Ventura comincia ad allenare nelle serie minori a partire dagli anni Ottanta, segnalandosi per due promozioni ottenute nei campionati interregionali: una con l’Entella nel 1985, un’altra con la Pistoiese nel 1991.

La svolta della carriera di Ventura arriverà nella seconda metà degli anni Novanta, quando il tecnico riuscirà ad ottenere dapprima due promozioni consecutive (dalla C1 alla Serie A nda) con il Lecce, per poi riportare il Cagliari in Serie A nell’annata successiva. Arriviamo, quindi, all’esordio in Seria A di Ventura, nell’annata 1998-1999, in cui il tecnico riuscirà ad ottenere una tranquilla salvezza con i sardi.

BARI E TORINO: L’APICE DI VENTURA

Ben diversi, invece, sono stati gli impatti che ha avuto il tecnico nelle sue annate con il Bari prima e il Torino poi.

Nell’estate 2009, infatti, Ventura prende il posto di Antonio Conte sulla guida del Bari, portando questi ultimi ad essere la rivelazione della Serie A 2009-2010. Da segnalare, oltre al bel gioco espresso, le prestigiose vittorie ottenute contro la Juventus, la Lazio (sia all’andata che al ritorno) e i due pareggi che hanno bloccato l’Inter di Josè Mourinho, squadra che da lì in avanti avrebbe poi vinto il prestigioso “treble”.

Leggi anche...  Spareggi mondiali 2022: il meglio e il peggio delle avversarie dell'Italia

Successivamente, Ventura è chiamato a riportare il Torino in Serie A, nell’annata 2011-2012. Non solo riuscirà in tale intento, ma otterrà anche l’accesso in Europa League nel 2014, competizione in cui il suo Torino si distinguerà per la storica vittoria contro l’Athletic Bilbao al San Mames, impianto in cui nessuna squadra italiana aveva vinto fino a quel momento.

IL FALLIMENTO CON LA NAZIONALE ITALIANA

Le ottime annate con i granata indurranno Carlo Tavecchio, presidente della FIGC, a scegliere Ventura come nuovo Commissario Tecnico della nazionale italiana.

La decisione, però, lasciò l’ambiente azzurro scettico, ritenendo l’allenatore non all’altezza per tale incarico, a causa delle sue modeste esperienze con squadre medio-piccole. Lo scetticismo sarà ben presto giustificato quando, nel girone di qualificazione per i mondiali del 2018, Ventura non riuscirà ad ottenere il pass diretto per la competizione, perdendo con un secco 3-0 la partita contro i diretti rivali della Spagna. Accusato più volte per le sue scelte di formazione, ritenute troppo difensiviste e volte a snaturare i calciatori, Ventura arriva a giocarsi l’accesso al mondiale negli insidiosissimi play-off contro la Svezia.

Il risultato sarà catastrofico: perseverando con le sue idee di gioco, Ventura imposterà le due gare contro gli scandinavi all’insegna della fisicità e i crossi dalle retrovie, relegando in panchina giocatori più offensivi e brevilinei come Insigne ed El Sharaawy. Inutile dire che, in 180 minuti, l’Italia non segnerà neanche un gol, a differenza della Svezia che riuscirà a segnare un gol all’andata, spedendoci fuori dalla fase finale di un mondiale dopo 60 anni.

Dopo il disastro mondiale, Ventura sarà allontanato dalla nazionale, dando inizio al suo lento declino, che lo vedrà allenare, con risultati deludenti, solo due squadre: il Chievo e la Salernitana.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio e vedere qualche protagonista in diretta.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Flickr