in

La quarantena di lusso di Cristiano Ronaldo

quarantena_cristiano_ronaldo_covid
Fonte immagine: Instagram

Quando il virus colpisce, si dice sempre che siamo tutti sulla stessa barca. Ma in effetti forse c’è una bella differenza tra il passare due settimane in un monolocale all’ottavo piano, e farsi la quarantene in una villa da sogno. Questione di prospettive e soprattutto di possibilità diverse.

Normale quindi che un calciatore che guadagna stipendi a sette (o otto) zeri, anche nei momenti “difficili” di clausura forzata, sia comunque circondato da confort e lussi che non tutti possono permettersi.

E’ il caso per esempio di Cristiano Ronaldo, appena rientrato nella sua magione torinese dopo essere stato trovato positivo al covid mentre era con la sua nazionale portoghese. Confinato per almeno dieci giorni in quella che è una mega villa da sogno in cui con ogni probabilità, ognuno di noi passerebbe volentieri anche un anno intero della sua vita.

La doppia villa di Ronaldo (si compone infatti di due unità differenti e distanti, collegate da un grande corridoio, il tutto immerso nel verde e completamente nascosto da occhi indiscreti. Il desiderio di privacy del campione è totale e da fuori nulla traspare.

Non si conosce il numero esatto di camere e di bagni (a Madrid aveva almeno 9 bagni e 7 stanze da letto) ma di sicuro ha un ampio spazio in cui custodire una ventina di auto di lusso che ha voluto portare con sè, così come una palestra privata, una stanza per i suoi trofei (e deve essere bella grande) e naturalmente una piscina coperta dove passare i suoi momenti di relax.

E’ proprio da quella piscina che CR7 ha voluto rassicurare i suoi fan della sua (ottima) forma fisica. Scatenando però anche le invidie per quella che è probabilmente, una delle quarantene più lussuose al mondo.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Instagram