in

Cos’è la Kings League di Piqué? Lo show calcistico da 700k viewers su Twitch

Piqué share hibet social

Kings League Piqué – Il nome di Piqué è apparso su internet moltissime volte in questi giorni e sappiamo benissimo qual è il motivo principale (la situazione spinosa con la sua ex Shakira). Eppure l’ex difensore del Barcellona sta attirando l’attenzione anche per un altro motivo: la Kings League.

Il calciatore, insieme alla sua società, ha dato vita a questo alternativo quanto “rivoluzionario” torneo calcistico di calcio a 7 che sta tenendo incollati gli spettatori alle maggiori piattaforme social (Twitch, Youtube e TikTok).

Lo spettacolo, perché oltre ad essere un torneo è soprattutto uno show, si svolge ogni domenica tra 12 squadre i cui giocatori sono stati selezionati durante delle dirette precedenti al torneo.

10 i giocatori fissi a cui si aggiungono 2 wild card: una è costante ed un’altra cambia da settimana a settimana.

Tra queste wild card intervengono anche nomi importantissimi del panorama calcistico, sia recente che odierno. Infatti durante le settimane si sono visti giocatori come il Chicharito Hernandez, il Kun Aguero (presidente di uno dei team in gara), CapdevilaSaviolaSoriano ed altri.

Le Regole della Kings League di Piqué

L’idea è nata come una rivoluzione al gioco del calcio, soprattutto nell’introduzione di alcune regole particolari: un calcio d’inizio come nella pallavolo (o il Dodgeball), shoot-out al posto dei rigori e l’utilizzo di 5 carte Jolly.

Quest’ultima regola è una spettacolare introduzione che prevede l’utilizzo di carte speciali per avere vantaggi durante il match: dalla possibilità di ottenere un penalty, a quella di togliere un giocatore avversario per qualche minuto.

Un misto di buon calcio e tanto spettacolo ha attirato l’attenzione del pubblico che sui social è davvero enorme, soprattutto tra le nuove generazioni.

Su Twitch il canale della Kings League ha raggiunto un picco di quasi 800 mila spettatori, con una media di più di 300 mila viewers a diretta. In una giornata, tra Youtube, TikTok e Twitch ci sono stati 1,4 milioni di spettatori collegati tra le tre piattaforme.

Tanto successo

Perché tutto questo successo? Sicuramente i nomi altisonanti che viaggiano in questo torneo attirano molti numeri. Tralasciando le wild card, i presidenti delle formazioni sono noti streamer e calciatori, dal già citato Sergio Aguero ad uno degli streamer più grandi del mondo, lo spagnolo Ibai.

Ovviamente si aggiunge soprattutto anche lo spettacolo che circonda e ingloba il torneo. Una delle wild card, per esempio, si è presentata travestita da wrestler ed è tutt’ora ignoto poiché si dice giochi in Liga e la sua squadra non permette la sua partecipazione. O come Aguero che si è presentato vestito da pagliaccio.

Questa è la Kings League che soprattutto in Spagna sta totalmente spopolando. Continuerà a crescere come fenomeno o si arresterà? Vedremo iniziative simili anche in altri Paesi?

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

A cura di: Powned

blog hibet