in

RIPARTE IL CALCIO IN ITALIA, OGGI JUVE-MILAN

Riparte il calcio
Fonte immagine: *Giorgio Chiellini Instagram, Alessio Romagnoli Instagram

Venerdì 12 giugno, una data storica per tutti gli appassionati dello “sport più bello del mondo”, riparte, finalmente, il calcio in Italia.

Sono passati 96 giorni dall’ultimo atto, Juventus-Inter, che ci ha tenuti incollati davanti ad uno schermo in preda all’ansia, alla gioia ed alla delusione.

Nessuno si sarebbe aspettato il lockdown, tantomeno lo stop al calcio. Questa sera si disputerà Juventus-Milan nella semifinale di ritorno della Coppa Italia.

Ricordiamo che il Milan, in 12 partite fin ora disputate, non è mai riuscito a battere i padroni di casa allo Stadium. Conquistando un unico punto nella semifinale di ritorno di Coppa Italia del 12 marzo 2012, finita 2-2. I rossoneri hanno ottenuto la vittoria in semifinale di ritorno fuori casa unicamente nel 1990 (3-1 contro il Napoli). Risultato seguito da quattro pareggi e sei sconfitte.

Dall’altra parte, la Juventus ha vinto tutte le ultime 10 partite casalinghe in Coppa Italia.

Tra poche ore, all’Allianz stadium ci sarà il fischio d’inizio ma stando a particolari condizioni, vediamo quali.

Innanzitutto c’è una novità regolamentare, in cui si prevede il passaggio ai calci di rigore in caso di parità al 90′. Cancellati i supplementari, per non allungare la durata delle partite.

Tale regola sarà applicata anche nella finalissima del 17 giugno all’Olimpico di Roma.

Tutte le persone che fanno parte delle società, giocatori e non, dovranno indossare le mascherine lungo il tragitto verso gli spogliatoi. Prima della partita i medici sociali dei club si scambieranno i moduli che attestano il rispetto del protocollo anti-Covid.

Nessuna stretta di mano precederà l’inizio delle partite, che ovviamente non saranno immortalate da foto di squadra. Non ci si potrà neppure abbracciare dopo un gol ed in panchina si dovrà rispettare il distanziamento.

Il numero di presenze allo stadio sarà di massimo 300 persone, compresi calciatori, staff tecnici e dirigenziali, accreditati, giornalisti, fotografi, che accederanno in misura minore rispetto a prima e svolgeranno le interviste a distanza.

Chi non fa parte della squadra, prima di entrare nello stadio, dovrà prestarsi a: misurazione della temperatura corporea tramite termoscanner e dell’ossigenazione del sangue con il saturimetro.

Il calcio riparte quindi con delle limitazioni. Un compromesso necessario a garantire una continuità, seppur bizzarra, a questo campionato.

L’appuntamento è sta sera, alle 21.00, emozionati come al primo giorno di scuola.

Siamo pronti e carichi per questa nuova fase… calcistica!

Per restare aggiornati, segui le news di Hibet Socialnews.

Fonte immagine: *Fonte immagine: *Giorgio Chiellini Instagram, Alessio Romagnoli Instagram