in

Come cambia la Lazio con Maurizio Sarri

Rivoluzione tecnico tattica con il modulo del nuovo allenatore, che avrà bisogno di calciatori adatti al suo gioco

maurisio sarri lazio share hibet social
Fonte immagine: Instagram

Detto che l’arrivo di Maurizio Sarri in casa Lazio, rappresenta comunque un buon rilancio delle ambizioni della società e dei tifosi dopo l’addio sofferto di Inzaghi, c’è da sottolineare però come proprio Simone avesse dato un’impronta precisa alla squadra con il suo 3-5-2 che girava quasi alla perfezione con questi interpreti.

A prescindere quindi dalle novità che il mercato porterà in dote (in entrata e in uscita), c’è già da fare i conti con un rinnovo tattico totale, visto che Sarri non si discosterà di molto dal suo credo che pone il 4-3-3 o al limite il 4-3-1-2 al centro del progetto.

Difesa quindi radicalmente cambiata, con comunque sempre Acerbi a dirigere il reparto ma senza lo straccio di un terzino di ruolo (a meno di non adattare Lazzari, oppure Marusic e Fares, sempre che restino in bianco celeste). 

A centrocampo Luis Alberto non sembra gradire quel ruolo sulla trequarti, così come in regia manca uno alla “Jorginho” (paradossalmente è Cataldi il più vicino, tenuto però ai margini da Inzaghi fin qua e con l’idea di cambiare aria prima dell’arrivo di Sarri). 

Leggi anche...  Juventus: Sarri pagato a peso d’oro.

E anche in avanti, l’unico che potrebbe trovarsi bene è Immobile (che ha giocato a tre sia in nazionale che all’inizio della sua carriera).  Non benissimo invece Correa come esterno, tanto che è sempre più in dubbio la sua permanenza. 

Insomma il nuovo allenatore ha portato entusiasmo e ambizione, ma anche un progetto tecnico e tattico totalmente da rifondare, partendo proprio dai giocatori. 

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio e vedere qualche protagonista in diretta.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Instagram