in

Claudio Lotito e la frase sui vaccini anti-covid.

Strumentalizzata dai no vax che l’hanno ricondivisa in massa sui gruppi telegram.

lotitob share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @official_sslazio

Claudio Lotito si è lasciato andare ad alcune dichiarazioni sulla malattia che ha stroncato la vita di Mihajlovic: “Bisogna approfondire alcune malattie, mi risulta che anche Vialli stia male. Non voglio fare l’esperto ma potrebbero essere legate al tipo di stress, di cure che venivano fatte all’epoca e ai trattamenti che venivano fatti sui campi sportivi. Per esempio, i vaccini servono e vanno fatti, ma nessuno sa quello che potranno determinare in futuro”.

Una frase particolare quest’ultima, che ha subito destato l’interesse dei no-vax, che immediatamente l’hanno presa in considerazione per strumentalizzarla in un modo non del tutto corretto.

Bisogna considerare che quello era anche un contesto molto triste, dato che tutti, incluso Lotito, erano sconvolti e provati dalla morte della leggenda, di colui che è stato davvero una grande icona della Lazio, un grande uomo e un grande padre, Sinisa Mihajlovic.

È proprio a lui che ha dedicato tutta una serie di parole molto commoventi: “Il ricordo che ho è di un grande amico, di un grande uomo e di un grande padre. Ho sempre avuto un rapporto di amicizia con la famiglia e con lui in particolare. È una persona che deve rappresentare un esempio come professionista e come uomo. Ha avuto il coraggio di portare avanti una malattia che è stata devastante. Per noi è un esempio di dignità e di forza. Non ha mai fatto trapelare nulla, ha sempre avuto il sorriso. Questo dimostra che è un grande uomo.”

È questo quello che vogliamo attenzionare di quel momento, e strumentalizzare le parole di un uomo pieno di dolore per la perdita di un amico è davvero ignobile.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @official_sslazio