in

Il ritorno di Chris Froome: “Voglio un altro Tour”

L’anglo-keniota sposa la causa del Team Israel

chris_froome_tour_de_france
Fonte immagine: Twitter

All’alba di una nuova stagione per il ciclismo mondiale, iniziano a prendere forma le squadre e soprattutto prendono il via le nuove schermaglie, per il momento solo sul piano verbale. Ma tra i corridori che si schiereranno nel 2021 c’è anche e soprattutto Chris Froome. Al di là delle valutazioni e delle opinioni su quanto è accaduto negli scorsi anni, stiamo pur sempre parlando di uno dei ciclisti più vincenti dei tempi moderni.

Il corridore anglo-keniota, dopo i fasti vincenti dei tempi del Team Sky, ha deciso di ricominciare con una nuova avventura. Il pluri-vincitore del Tour de France, infatti, ha sposato la causa del neonato Team Israel per andare alla ricerca di nuovi stimoli e di qualche avventura. Naturalmente si tratta di una specie di nuovo inizio da zero, ma Froome ha la forza interiore per dare la caccia a qualcosa di importante.

Voglia di Tour

Froome è stato intervistato dai colleghi della Gazzetta dello Sport. E in questa intervista ha svelato il suo sogno: “Non sono finito, l’età è uno stato mentale, voglio il quinto Tour de France. Ma il mondo ora è cambiato, allenamento e alimentazione nello sport si sono evoluti, io ho cominciato tardi e mi sento relativamente giovane. Gli atleti adesso possono spingersi oltre grazie a tutto questo”. Nelle prossime settimane, tra l’altro, Froome inizierà la preparazione in Europa: “Tornerò a febbraio, penso nella prima parte. Ma per il debutto stagionale non abbiamo ancora deciso dopo la cancellazione della Vuelta San Juan”.

Chris Froome è chiaramente spinto dalla voglia di tornare a vincere. Ma la sua priorità è legata al ritorno a certi livelli: “La cosa più importante è tornare al livello di prima della caduta. Sono fiducioso che possa succedere, ma solo in gara vedrò realmente come vanno le cose. Quello di Israel per me è un progetto a lungo termine, che mi accompagnerà fino a fine carriera e pure oltre. Dopo quella caduta, la scelta più facile sarebbe stata ritirarsi. Ma non volevo concludere così”.

Fino a 40 anni

Chris Froome ha parlato anche della nuova avventura con Team Israel: “Era la sfida di cui avevo bisogno. Mi esalta l’idea di un team costruito attorno a me, di poter essere un esempio per i giovani, di far parte di un qualcosa che va oltre il ciclismo. Un po’ come era stata Sky all’inizio”. E a chi prova a farlo ragionare sulla modestia del suo team, Froome fa capire che non è necessario far parte di squadroni per vincere: “Pogacar nell’ultima edizione non ne faceva parte e ha vinto. Magari si potrebbe ripetere uno scenario di quel tipo. Alla fine, le corse si trasformano in sfide tra gli uomini più forti”.

Gli allenamenti di Froome finora sono stati indirizzati verso la ricerca della giusta condizione. Il tutto per farsi trovare pronto in corsa: “Oltre agli allenamenti in bici, potendo sfruttare un clima ottimo, tante sessioni in palestra per ritrovare massa muscolare e potenziare la gamba infortunata, i quadricipiti”. E poi c’è un altro obiettivo, ovvero quello di correre fino a 40 anni: “So che è possibile. Voglio dimostrarlo anch’io”.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Twitter

Francesco Cammuca

Sommario
Il ritorno di Chris Froome: “Voglio un altro Tour”
Titolo
Il ritorno di Chris Froome: “Voglio un altro Tour”
Descrizione
Chris Froome, all’alba della sua nuova avventura con il Team Israel, svela di voler tornare in sella per vincere il suo quinto Tour de France.
Autore
Cristian Lag

Scritto da Cristian Lag

Hibet.social è un portale di informazione che tratta argomenti di attualità, curiosità, articoli divertenti e virali relativi al mondo dello sport, del casinò e molto altro ancora.