in

Chi è Nagelsmann: l’artefice del Lipsia dei miracoli

Nagelsmann_lipsia_lione_champions_league
Fonte immagine: Instagram

Da quando il calcio è ripartito dopo il lookdown, abbiamo visto squadre ripartire con il piede giusto, andando oltre a quelle che di fatto erano le aspettative iniziali. Esempi sono il Milan di Pioli in Serie A, ma anche il Lione e il Lipsia in Champions League, ma su quest’ultima squadra però, va capito se realmente deve ancora essere etichettata come una sorpresa.

Infatti il Lipsia è una squadra con a capo una proprietà molto importante come la Red Bull, che l’ha vista ottenere risultati in maniera sempre più immediata, i più importati negli ultimi anni, avendo come artefice una figura che ha fatto parlare di sé, svolgendo un incarico, quello dell’allenatore, difficile se si considera la giovane età.

La figura in questione è proprio Julian Nagelsmann, allenatore tedesco fra i più promettenti del panorama mondiale, del quale noi andremo a concentrarci in quest’articolo.

Gli inizi: Hoffenheim

Dopo aver allenato le giovanili, Nagelsmann comincia la sua carriera da allenatore l’11 febbraio 2016, prendendo le redini dell’Hoffenheim a seguito delle dimissioni di Huub Stevens per problemi di salute, diventando così, a soli 28 anni, l’allenatore più giovane della storia della Bundesliga.

Dopo aver concluso l’annata cominciata da Stevens con una salvezza, Nagelsmann riesce nell’impresa di portare per ben due anni consecutivi l’Hoffenheim in Champions League, conquistando prima un quarto posto nel 2017 e poi un terzo nel 2018, stando dietro solo ai due colossi Bayern Monaco e Borussia Dortmund. Dopo un’altra annata a Hoffenheim, Nagelsmann lascia la squadra nel 2019.

Oggi: Lipsia

Approda così nell’ambizioso Lipsia, costruendo una squadra capace di tenere testa sia in Germania che in Europa: ottiene un terzo posto nuovamente alle spalle di Bayern e Dortmund, ma le maggiori soddisfazioni le raccoglie in Champions League, dove la squadra vince il proprio girone di qualificazione ed elimina il Tottenham agli ottavi e Atletico Madrid ai quarti, fermandosi solamente alle semifinali contro il PSG di Neymar e Mbappè. Nella stagione in corso, il Lipsia viaggia fra le zone alte della classifica, riuscendo ad essere prima dopo 5 giornate di campionato.

Tattica: come gioca?

Ma qual è il segreto di questo giovane allenatore? Come ottiene questi ottimi risultati? La risposta può essere ricercata solo nel suo modo di giocare:

Nagelsmann predilige un gioco veloce e aggressivo, dove a farne da padrone sono le verticalizzazioni ma soprattutto le idee e le qualità dei calciatori. Infatti non sembra avere un modulo base con cui giocare, a dimostrazione di come è lui ad adattarsi alle idee dei calciatori e non viceversa. I moduli che varia spesso vanno dal 4-3-3 al 3-4-3, con però una leggera inclinazione ad usare la difesa a tre, con davanti uno schieramento variegato, o con un attacco a tre o a due, in base alle esigenze degli interpreti in campo.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Instagram

Antonino Nicolò