in

Cesare Casadei svela: “Inter? Mai avuta una squadra del cuore”

Fonte immagine: Profilo Instagram @_cesarecasadei_

Cesare Casadei svela le sue sensazioni dopo un anno in Inghilterra. Una bella esperienza che gli sta consentendo di imprarare tanto: “È un’esperienza che mi sta dando tantissimo sotto ogni punto di vista. Sono davvero molto contento della scelta che ho fatto insieme al mio agente Paolo Busardò. Non era l’opzione più comoda, ma ho voluto prendere al volo questa possibilità perché treni come il Chelsea passano poche volte, se non una, nella vita. E oggi posso dire che questa esperienza mi sta dando moltissimo dal punto di vista umano e professionale. Mi sento molto migliorato da quando vivo là”.

Il giovane centrocampista tornerà al Chelsea dopo la stagione al Reading. ma in cosa è migliorato il giocatore azzurro? “Come calciatore, quello inglese è il campionato che mi si adatta meglio, per fisicità, ritmo e intensità di gioco. In Premier non ho ancora esordito e lavoro per arrivarci. Come persona, andare a vivere in un altro Paese, lontano dai punti di riferimento abituali rappresentati da parenti e amici, mi ha costretto, diciamo così, a impratichirmi in fretta in tutti gli aspetti della vita quotidiana. Anche a Milano ero solo, ma esserlo in Inghilterra è ovviamente un’altra cosa. Mi sono dovuto arrangiare in tutto e per tutto”.

Casadei ripudia l’Inter

In un’intervista rilasciata per Sportweek, Casadei ha parlato anche del bellissimo percorso nei Mondiali Under 20. La speranza è quella di aver fatto capire quanto siano forti i giovani italiani: “Possiamo aver aperto gli occhi a tutti, dimostrando che in Italia i giovani ci sono. Questo non vuol dire che bisogna regalargli fiducia senza che loro trasmettano qualcosa, però diciamo che servono anche i presupposti perché un ragazzo ci riesca”.

In conclusione, il capocannoniere dell’ultima Coppa del Mondo di categoria ha fatto capire di non essersi mai sentito interista. Nel suo cuore e nelle sue preferenze, gli idoli individuali prevalgono sulle squadre: “Sarò sincero: non ho mai avuto una squadra del cuore. Da appassionato di calcio mi sono sempre piaciuti più i giocatori che le squadre. I miei idoli sono Kakà e Ronaldinho. Ero innamorato del loro modo di giocare, di come riuscivano a divertirsi col pallone tra i piedi”.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @_cesarecasadei_

blog hibet