in

Fabio Cannavaro e la Coppa del Mondo: “Si ruppe quando tornammo in Italia”

Fonte immagine: *Flickr

L’Italia non vince un trofeo internazionale per nazioni ormai da 14 anni. Sta per arrivare il 9 luglio, il giorno in cui nel 2006 diventammo campioni del mondo per la quarta volta. E il capitano di quella magnifica spedizione allenata da Marcello Lippi fu Fabio Cannavaro, il quale grazie soprattutto a quell’impresa riuscì anche a conquistare il Pallone d’Oro cinque mesi dopo aver alzato la Coppa del Mondo al cielo di Berlino.

Cannavaro ha rivissuto quell’estate magica durante una diretta su Instagram con Pio e Amedeo. Una diretta in cui il duo comico foggiano ha parlato con l’ex giocatore – tra le altre – di Parma, Juventus e Real Madrid di tante cose, in campo e fuori. L’ex capitano azzurro ha raccontato anche un paio di aneddoti relativi al trofeo. Con tanto di sostituzione della coppa stessa dopo la cerimonia di premiazione e prima che i vincitori tornassero negli spogliatoi.

La coppa che si vede in televisione quando viene alzata in campo, quando si torna negli spogliatoi viene sostituita dai dirigenti della Fifa. Se la prendono e poi danno una copia, che è quella che abbiamo portato a Roma. La rompemmo appena arrivammo in Italia“. L’episodio della coppa del Mondo rotta ha suscitato l’ilarità di Pio e Amedeo, i quali hanno chiesto se a ripararla fosse stato Lippi con la colla a presa rapida.

Un altro episodio molto divertente, sempre legato ai Mondiali, riguarda il decisamente meno esaltante torneo di quattro anni dopo in Sudafrica. Protagonista fu sempre Cannavaro, questa volta in qualità di campione uscente che doveva mettere al centro del campo la coppa prima della finalissima, tra Spagna e Olanda. Un cerimoniale particolare obbliga chi non ha mai vinto un mondiale a maneggiare la coppa indossando dei guanti.

Ma è meglio lasciare la parola al protagonista: “Chi non è campione del mondo la può alzare solo con i guanti bianchi, nessuno la può toccare. Quando andai in Sudafrica consegnai la coppa alle due finaliste. La coppa arrivò, la presi in mano e uno della Fifa mi fermò per farmi mettere i guanti. Poi un altro dirigente si è reso conto di chi ero e disse ‘no, lui può toccarla senza guanti’“.

Quella, purtroppo, fu l’ultima volta in cui un calciatore italiano ha potuto tenere in mano la Coppa del Mondo. E Fabio Cannavaro ricorda sempre con una certa fierezza quell’episodio, in cui ha di fatto rappresentato la Nazionale italiana per l’ultima volta sul campo e a un Mondiale.

Francesco Cammuca

Se vuoi seguire altre notizie e curiosità sul mondo dello sport, clicca qui.

Fonte immagine: *Flickr

Cristian Lag

Scritto da Cristian Lag

Hibet.social è un portale di informazione che tratta argomenti di attualità, curiosità, articoli divertenti e virali relativi al mondo dello sport, del casinò e molto altro ancora.