in

Calciatori brasiliani: quando Ramalho ingoiò una supposta

calciatori brasiliani -ramalho
Fonte immagine:*muricyramalhoreal

I calciatori brasiliani sono famosi per la loro fantasia, il loro estro in campo. Ci teniamo a precisare che questa splendida follia non la dimostrano solo a suon di gol ma anche lontani dal pallone. State pensando a spese pazze o prestazioni da latin lover? Siete sulla pista sbagliata.

Questa è la storia di Muricy Ramalho, ex calciatore e attualmente allenatore di calcio.

Ricordato dal mondo intero per le sue azioni da sudamericano fuoriclasse? Sbagliato. Il giocatore è noto alle cronache per aver mangiato una supposta.

Durante la fase da atleta Ramalho ebbe mal di denti perciò i medici prescrissero una cura a base di supposte, il che è già particolare. L’atleta non aveva mai visto questo farmaco, tanto che ha pensato di ingoiarlo!

L’hai messo nella parte sbagliata, direbbe saggiamente più di qualcuno.

Tutto ciò gli è costato una gastroenterite di tre giorni.

L’unica fortuna del protagonista di questa singolare esperienza è che è accaduta in tempi lontani dalla viralità della rete.

Immaginate cosa sarebbe successo sui social network se l’episodio si fosse verificato oggi?

Una raffica di tweet, meme e commenti di ogni genere, un vero apocalisse social. Quando si dice capitare nel momento giusto!

Dall’altra parte però sembra che dal punto di vista calcistico gli effetti siano stati benefici. L’uomo ha continuato nel mondo del calcio anche dopo il ritiro avvenuto nel 1985 a causa di vari infortuni.

Il segreto di una lunga carriera nello sport non sarà mica mangiare supposte?

Chissà! Per il momento non possiamo non confermare la leggenda sui calciatori brasiliani versatili e fantasiosi…in tutto!

Per altre storie curiose di calcio e follia: Ali Dia: il più disonesto degli attaccanti di Premier League

Fonte immagine: * muricyramalhoreal

Maria Caterina Crugliano

Scritto da Maria Caterina Crugliano

Copywriter dell’ironia. I miei genitori devono ancora capire che lavoro faccio. Penso quindi scrivo (e rido).