in

Binotto: “Un onore lavorare accanto a Schumacher”

Parla il capotecnico della Ferrari

binotto share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @f1ingenerale

Mattia Binotto ora è il capo tecnico della Ferrari. Tuttavia ha iniziato la sua carriera in Rosso da ingegnere, lavorando al fianco di una vera leggenda: “Quegli anni hanno rappresentato un periodo fantastico per me. Sono orgoglioso di aver fatto parte di tutto questo. E non solo: ho imparato molto da Michael Schumacher. Ho appreso stando vicino a lui la capacità di essere un leader. Non lo dimenticherò mai”.

Gli anni con Michael Schumacher sono stati formativi per Binotto. Anche perché potrà portare quei ricordi per il presente e il futuro: “Vogliamo riportare questa cultura Ferrari all’interno della squadra. Siamo l’unica scuderia ad essere sempre stata tutti gli anni in Formula 1, la squadra di maggior successo della storia del motorsport. Questo è ciò che vogliamo rappresentare nel mondo nei prossimi anni”.

Binotto impressionato dalla Ferrari

Si parla poi della stagione 2022, iniziata da un paio di gare. In questo senso Binotto ha fatto capire che la Ferrari non ha avuto alcun vantaggio nelle tempistiche rispetto alle rivali: “A tutti è stato permesso di iniziare a lavorare in galleria del vento solo l’1 gennaio dello scorso anno. Forse facendo in questo modo ci siamo concentrati maggiormente sull’auto del 2022, ma posso dire che tutti i team sono partiti dallo stesso punto”.

I risultati fin qui parlano chiaro, con Charles Leclerc che ha vinto a Sakhir e Carlos Sainz che ha fatto benissimo. Una partenza che ha sorpreso anche Binotto: “Sapevamo di esserci preparati in maniera ottimale  e di aver lavorato sodo come squadra. Ma ovviamente non avevamo un’idea chiara di quale livello avessimo raggiunto rispetto alle altre squadre. Non ci aspettavamo un risultato così buono nelle prime due gare”.

Una Ferrari che ora ci fa sognare.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @f1ingenerale