in

Benevento-Cagliari, il presidente Vigorito e l’orgoglio terrone

Il patron sannita attacca Mazzoleni

benevento Cagliari Vigorito
Fonte immagine: Twitter

La quartultima giornata del campionato di Serie A ha vissuto tanti momenti di grande suspence in tutti i campi. In particolare, il centro nevralgico delle attenzioni e della tensione nella domenica pomeriggio è stato lo stadio “Ciro Vigorito” di Benevento. La formazione giallorossa ha perso un vero e proprio scontro salvezza contro il Cagliari. Con il successo, la compagine sarda ha operato il sorpasso sulla Strega.

 

Ma c’è un episodio che ha scatenato la rabbia furente della squadra e della dirigenza dei sanniti. Un calcio di rigore che sembrava abbastanza evidente, ma che l’arbitro ha negato alla Strega. E così è entrato nell’occhio del ciclone Paolo Silvio Mazzoleni, il responsabile del VAR che avrebbe danneggiato i giallorossi. Tanto che non si sono fatte mancare le accuse, per nulla velate, nei confronti di un arbitro totalmente accerchiato da critiche e attacchi

La rabbia di Vigorito

Su tutti è stato il presidente Oreste Vigorito ad attaccare senza mezzi termini il fischietto lombardo. Il presidente della formazione giallorossa, al termine della gara, ha fatto capire di essere arrabbiato in primis per la designazione dello stesso Mazzoleni: “Tutti hanno visto tranne il signor Mazzoleni, mi sono già arrivati messaggi da Napoli. Se vogliamo uccidere una squadra del Sud si manda Mazzoleni”.

Leggi anche...  I 10 calciatori più vincenti

 

Ma mentre Inzaghi ha cercato di essere diplomatico anche nella protesta più furente, Vigorito non è riuscito a usare mezze misure per scagliarsi contro Mazzoleni: “Noi stiamo perdendo un anno di sacrifici, mentre lui sta col c… sulla panchina a guardare la tv e cambiare le decisioni. È una vergogna. Noi squadre medio-piccole non abbiamo più uno strumento per essere tutelati”.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Twitter