in

Balotelli: “Sarei servito alla Nazionale. Ho detto no all’Arabia Saudita”

balotelli share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @mb459

Mario Balotelli ha ammesso che la Nazionale avrebbe bisogno di lui. Soprattutto in un periodo in cui l’Italia fa fatica a segnare: Mi sarei chiamato perché non sono mai stato uno costante nei 90 minuti e mi sono sempre bastate 1/2 palle. Negli ultimi anni ho fatto più fatica. In Nazionale deve giocare chi sta meglio. Mi sarei chiamato ma non mi sarei fatto giocare ma subentrare. Accetteresti una convocazione? Non lo so, sono sincero. Ho avuto tante belle cose dalla Nazionale in passato, ma negli ultimi anni ho avuto molte delusioni. Ma non è un no”.

L’attaccante, la cui carriera parla da sola, è stato protagonista di una diretta su Controcalcio. Ha parlato di alcuni personaggi che hanno fatto parte della sua vita. Come nel caso del compianto Sinisa Mihajlovic: Con Sinisa avevo un rapporto bellissimo. L’ho conosciuto all’inizio della mia carriera con l’Inter, era il vice di Mancini. Aveva un carattere molto duro, ma con lui si stava veramente bene. Era come un fratello maggiore”.

Balotelli e il rapporto con Raiola

Anche Mino Raiola ci ha lasciato nei mesi scorsi. Balotelli ha voluto raccontare un aneddoto sul procuratore che lo ha lanciato nel grande calcio: “Quando stavo firmando al Nizza, eravamo seduti col presidente e gli diceva: “Non prenderlo. Ti distrugge lo spogliatoio. Ti divide la squadra in due. Non fa un goal”. Io lo guardavo e lui: “Lasciami stare”. Alla fine, è riuscito a farmi prendere più soldi. Il presidente rideva. Mino era serio perché aveva la sua tattica. Io dicevo: “Mino non potrà mai funzionare così, perché questo pensa che sono matto”. E invece è riuscito a farmi prendere di più”.

In conclusione, l’ex attaccante – tra le altre – di Milan e Inter ha parlato del boom del calciomercato in Arabia Saudita. Lui stesso, a quanto pare, in passato era stato contattato dagli emiri: “Io ho rifiutato un’offerta cinese molto più alta delle cifre arabe. Non rimpiango di averla rifiutata. Ho però preferito giocare a calcio e restare a Marsiglia. Non so cosa farò in futuro, ma come si può dire che uno che va in Arabia non per soldi? Se offrissero pochi soldi i giocatori non ci andrebbero”.

Seguiteci anche su Instagram, per scoprire tante curiosità dal mondo del calcio.

Se volete seguire altre notizie sul mondo del Calcio cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @mb459

blog hibet