in

L’Atalanta continua a correre, aspettando Ilicic

Atalanta
Fonte immagine: Wikipedia Commons

Passano i mesi, cambiano i giocatori, cambia il clima, ma c’è una cosa che davvero non riesce a cambiare nel calcio italiano. È il rendimento a dir poco clamoroso dell’Atalanta, una squadra che non sembra riuscire a fare a meno di giocare in maniera spettacolare, divertendosi e divertendo. Una vera e propria macchina perfetta, che mister Gian Piero Gasperini ha plasmato e ha portato, già nella scorsa stagione, a livelli di eccellenza.

E visto che il secondo anno è sempre il più difficile, perché è quello che fa da spartiacque tra un exploit unico e irripetibile e un progetto al quale si dà continuità, in casa Atalanta si è optato per la seconda opzione. Di fatto non se n’è andato nessuno, visto che è stato ceduto solo Castagne che è approdato a suon di milioni al Leicester. Di contro è arrivato qualche rinforzo ad allungare la rosa nerazzurra. Come nel caso di Miranchuk, un giocatore tutto da seguire.

Tuttavia il Gasp ha deciso di puntare sulla vecchia guardia per giocare le prime due partite. Gare che si sono concluse con un punteggio quasi uguale. In primis il 2-4 con cui la Dea ha espugnato senza pietà il campo del Torino: una gara che poteva prendere le stesse connotazioni di un anno fa, quando i nerazzurri vinsero per 7-0 all’Olimpico. E a proposito di stadi olimpici, altro giro e altro poker per un’Atalanta a tratti irresistibile.

A farne le spese è stata la Lazio, totalmente un’altra squadra rispetto a quella che ha coltivato legittime ambizioni di scudetto prima del lockdown. Un 4-1 che non ha ammesso repliche e che ha fatto salire alla ribalta i soliti noti: Alejandro Gomez è stato estasiante con la sua doppietta, ma anche le due ali Gosens e Hateboer hanno fatto una partita clamorosa. Pace fatta per il giocatore olandese, dopo le dichiarazioni rilasciate durante l’estate.

Dunque l’Atalanta vola, non ha mai smesso di farlo nonostante la (breve) pausa estiva e promette di non smettere di farlo anche in futuro. Anche perché tra qualche giorno riprenderà anche la Champions League, alla quale è legato un meraviglioso rimpianto dopo l’eliminazione di qualche settimana fa per mano del Paris Saint Germain. Ma intanto, in casa bergamasca si attende con ansia la notizia più bella: ovvero il ritorno di Josip Ilicic.

Lo sloveno, qualora tornasse arruolabile, sarebbe un asso nella manica non di poco conto per Gasperini. Il tecnico e tutta Bergamo aspettano il ritorno dell’Iliciclone. Ma intanto, sembra che vada tutto bene così com’è.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Wikipedia Commons

Francesco Cammuca