in

Arnaldi orgoglio italiano: “Che emozione vincere la Davis”

Fonte immagine: Profilo Instagram @mattearnalds

Matteo Arnaldi è stato uno dei protagonisti nella cavalcata azzurra nella recente edizione della Coppa Davis. Il ligure ha giocato e vinto contro l’australiano Popyrin, e lui stesso è consapevole di non aver giocato la sua miglior partita in carriera: “Ho giocato uno dei peggiori set di tutta la stagione (sorride) ma sono rimasto lì, senza farmi prendere dall’ansia, giocando punto dopo punto. Provando a reagire, alla fine ho avuto l’occasione sul match point e l’ho sfruttata”.

Tra le altre cose, il tennista nativo di Sanremo è stato importante durante questa cavalcata. Prima della partita di Malaga, è stato protagonista contro il Cile a Bologna. Di tutto questo vuole ringraziare Filippo Volandri: “Sono felice che il capitano mi abbia dato fiducia, io ho cercato di mettere in campo tutto quello che avevo. Non giocavo da un po’, dovevo riprendere il ritmo, contro l’Olanda avevo perso ma non mi sentivo male in campo, si trattava solo di trovare tranquillità e continuità”.

Arnaldi orgoglio italiano

Tanto orgoglio e grandi responsabilità per Matteo Arnaldi, nel rappresentare l’Italia in Coppa Davis. “Di sicuro – dichiara alla Gazzetta dello Sport – porta una quantità di emozioni difficili da provare quando si gioca da soli. Quest’anno per me era la prima volta che giocavo per il mio Paese, a parte quando ero junior. La Davis però è diversa, giochi anche per i compagni, entrano in gioco tante variabili. L’emozione può anche bloccarti, ma la squadra è stata eccezionale a fare il tifo e a tenermi su anche nelle difficoltà”.

Ma cosa è significato per lui rappresentare l’Italia in questa bella cavalcata? La risposta da parte del numero 42 delle classifiche mondiali non è banale: “A parte aver regalato una gioia agli italiani che tifavano, quello che per me è stato più significativo è stato sicuramente condividere la gioia con Musetti e Sinner. Li conosco da quando eravamo junior e facevamo i tornei insieme. Anche mio papà ha detto che si è emozionato, che vederci tutti e tre con l’Insalatiera l’ha riportato indietro nel tempo”.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @mattearnalds

blog hibet