in

Armi long range: tra le TOP TIER di Warzone anche il Lachmann 762 ed una versione dell’M4

Tra i meta più bilanciati della storia di Warzone, quello che c’è tra molte delle armi long range del gioco è un equilibrio davvero molto positivo.

Grazie a questo infatti, i giocatori possono liberamente scegliere che armi giocare (entro certi limiti ovviamente, ndr) senza doversi preoccupare del fatto che solamente una di queste è estremamente più forte di tutte le altre.

Scopriamo cosi delle nuove versioni relative ad altrettanti fucili che non godono di grande popolarità, ma che meriterebbero molte più “attenzioni” da parte dei giocatori; non fosse altro per il fatto che la performance che garantiscono è eccellente.

Stiamo parlando nello specifico del Lachmann 762, il “fratello maggiore” dell’omonima piattaforma, dell’M4 ed ovviamente, ancora una volta, del Lachmann 556. Il primo citato è stato presentato di recente dal celebre WhosImmortal, che lo ha definito uno dei fucili più “divertenti” di tutto il gioco.

Armi Long Range di Warzone – Le alternative di questo speciale 

Iniziando dal primo, il Lachmann 762, questo si presenta come un AR ideale per le medie distanze. Il rinculo pronunciato sui primi colpi la rende sicuramente un’arma non semplicissima da gestire, ma il quantitativo di danni di cui dispone è sicuramente di primissimo ordine.

Di natura decisamente opposta, l’M4 ed il Lachmann 556 figurano invece come le “opzioni zero recoil” di questo nuovo speciale. Entrambe stabilissime, queste armi sono decisamente più consigliate per chi è alla ricerca di AR facili da usare/sbloccare, che godono comunque di un TTK estremamente basso e competitivo.

I loadout relativi a queste due armi, sono stati invece presentati da TheKoreanSavage e Booya, con il secondo che armato di Lachmann 556 è riuscito a confermare 50 kill in due sole partite Ritorno.

Cosa ne pensate di queste versioni community? Le proverete alla vostra prossima sessione di gioco?

Se volete seguire altre notizie sul mondo degli E-Sports cliccate QUI.

A cura di: Powned

blog hibet