in

Allarme Hamilton: “Mercedes non mi ha ascoltato”

Hamilton share hibet social
Fonte immagine: Profilo Instagram @lewishamilton

Lewis Hamilton non è riuscito a ottenere un piazzamento sul podio nella prima gara della stagione. Tuttavia crede di aver vissuto un buon weekend, soprattutto stimolante: “Mi sono divertito, mi piace guidare e non c’era nessun rimbalzo, il mio cervello è intatto. Tutte le mie otturazioni sono ancora… i miei denti sono ancora in bocca, non ho dolori alla schiena. Quindi, in generale, mi sono goduto la gara”.

Il pilota della Mercedes ha anche fatto capire che la sua monoposto ha tanti margini di miglioramento sul piano della affidabilità: “E mi è piaciuto il fatto che sono riuscito a fare un paio di battaglie, ed è stato vicino, ma non del tutto. Ho avuto modo di prendere molte auto come questa, soprattutto ai tempi della McLaren. Non so quando e come riusciremo a cambiare le cose. Ma dovrà succedere”.

Hamilton pretende più ascolto

In ogni caso Hamilton ha fatto capire che alcune cose da lui esternate non sono state ascoltate: “L’anno scorso ho detto delle cose, ho detto dei problemi che ci sono con la macchina. Ho guidato tante auto nella mia vita. Quindi so di cosa ha bisogno un’auto, so di cosa non ha bisogno un’auto. E credo che sia una questione di responsabilità. Si tratta di ammettere la propria responsabilità e di dire: ‘Sì, sapete una cosa? Non ti abbiamo ascoltato’. Non è più come prima. E dobbiamo lavorare”.

Come si può risolvere questa situazione? Il sette volte campione del mondo ha la soluzione: “Dobbiamo esaminare l’equilibrio attraverso gli angoli. Guardare tutti i punti deboli e riunirci come una squadra. Questo è quello che facciamo. Siamo ancora pluricampioni del mondo, lo sapete. Non hanno fatto bene questa volta, non hanno fatto bene l’anno scorso, ma questo non significa che non si possa fare bene in futuro”.

Se volete seguire altre notizie sul mondo dello Sport cliccate QUI.

Fonte immagine: Profilo Instagram @lewishamilton

blog hibet